Una truffa online sul trading per quasi 400 mila euro. Un uomo di Cagliari ha denunciato due donne di nazionalità straniera, arrestate dalla polizia.

CAGLIARI – E’ stato truffato con il trading online e poi minacciato quando ha tentato di rientrare in possesso di una parte dei soldi investiti. Un uomo della provincia di Cagliari ha sporto denuncia alla polizia postale. Due donne di nazionalità ucraina e armena sono state denunciate.

Trading, truffa da quasi 400 mila euro

L’uomo si era fatto convincere a investire ingenti somme di denaro in cripto valute promettendogli facili e consistenti guadagni. In totale, una cifra di quasi 400mila euro. L’uomo era stato contattato da sedicenti promotori finanziari che, promettendogli importanti guadagni, erano riusciti a convincerlo ad eseguire cospicui investimenti su una falsa piattaforma di trading on line, acquistando cripto valuta. Nel giro di pochi mesi il cagliaritano ha inviato, tramite bonifici bancari, su conti in Repubblica Ceca ben 380mila euro.

https://www.youtube.com/watch?v=uKH5T5ugl74

Cagliari, le indagini della polizia postale

Le indagini, durate oltre un anno, sono partite nel 2018 a seguito proprio della denuncia della vittima, la quale è stata minacciata una volta che ha tentato di rientrare in possesso di una parte della somma investito. A quel punto, il truffato ha deciso di ricorrere alle forze dell’ordine.
Il Compartimento di Polizia postale di Cagliari ha coordinato il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni: le indagini si sono concluse in questi giorni con il recupero di oltre 200mila euro
Le due donne di nazionalità ucraina e armena sono accusate di truffa, abusiva attività finanziaria, riciclaggio ed estorsione in quanto amministratrici delle società intestatarie dei conti correnti esteri in cui sono finiti i 380mila euro della vittima.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
arrestate due straniere Cagliari polizia postale trading online truffa

ultimo aggiornamento: 11-06-2020


Migranti, naufragio al largo della Tunisia, strage di donne. Tra le vittime anche bambini

Omofobia, CEI: Non serve una nuova legge, attenzione a derive liberticide