Truffati dalle banche, al via il rimborso: come presentare la richiesta

Aperte le pratiche per il rimborso ai truffati dalle Banche: come e quando presentare la domanda per richiedere l’indennizzo.

Parte il rimborso per i truffati dalle banche. Il Ministero dell’Economia, dopo una lunga gestazione anche politica e dopo un lungo tira e molla tra Salvini, Di Maio e il ministro Tria, ha aperto il portale sul quale sarà possibile avanzare la richiesta di risarcimento. Le associazioni dei risparmiatori hanno salutato con entusiasmo l’inizio della procedura facendo sapere di essere soddisfatti per le modalità e dei requisiti per richiedere l’indennizzo.

Truffati dalle banche, come richiedere il rimbordo

Per avanzare la richiesta di indennizzo bisognerà presentare la domanda entro e non oltre i 180 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto. La domanda potrà essere avanzata sul portale fondoinennizzorisparmiatori@consap.it.

Inoltre sarà possibile registrarsi ad un apposito sito dove l’utente sarà assistito nella compilazione della documentazione da associare alla domanda.

Tutte le informazioni sulle modalità e i tempi per presentare la domanda saranno pubblicate sul sito del Ministero dell’Economia.

euro
euro

Chi può presentare la domanda per il rimborso

Possono presentare la domanda le persone fisiche, gli imprenditori individuali, le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e le micro-imprese che contano un personale formato da meno di dieci persone e con un fatturato annuo inferiore o pari ai due milioni di euro.

Ovviamente questi soggetti devono aver investito o versato i propri risparmi negli istituti bancari in questione, ossia le due Banche Venete, Carife, Carichieti, Banca Etruria e Banca Marche.

Quali sono i requisiti

Stando al decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, i requisiti sono un Isee inferiore ai 35.000 euro per quanto riguarda l’anno 2018 o un patrimonio mobiliare inferiore ai 100.000 euro.

ultimo aggiornamento: 22-08-2019

X