Il procuratore di Manhattan è stato rimpiazzato, ha annunciato il ministro della giustizia. Ma Berman non ci sta: “Non ho intenzione di dimettermi”.

NEW YORK – Il procuratore di Manhattan è stato rimosso dal suo incarico. L’annuncio è stato dato dal ministro della giustizia William Barr, il quale ha aggiunto che Geoffrey Berman potrebbe essere rimpiazzato da Jay Clayton.

Le indagini su Rudolph Giuliani

L’attorney di Manhattan, Geoffrey Berman, ha incriminato l’ex avvocato personale del presidente Michael Cohen e ora sta indagando sull’attuale avvocato personale del tycoon Rudolph Giuliani, oltre ad aver gestito altri casi legati ad alleati di Trump. Barr ha riferito che il presidente intende nominare al suo posto Jay Clayton, presidente della Securities and Exchange Commission (Sec), che non ha mai ricoperto l’incarico di procuratore.

https://www.youtube.com/watch?v=YL2OTiCguyw

La reazione di Geoffrey Berman

Non mi sono dimesso e non ho alcuna intenzione di dimettermi dalla mia posizione, alla quale sono stato nominato dai giudici della corte distrettuale Usa per il distretto meridionale di New York“, ha dichiarato a stretto giro di posta il procuratore, sfidando così il governo Trump che ha deciso di sostituirlo. “Mi dimetterò quando una persona nominata dal presidente sarà confermata al Senato. Fino ad allora le nostre indagini proseguiranno senza ritardi o interruzioni“, ha aggiunto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Stati Generali, il programma di sabato 20 giugno

L’Italia fa il tifo per Zanardi. I messaggi social, dalla Pellegrini al premier Conte