L’ex presidente Usa non punta né su Salvini né su Meloni ma su Giuseppe Conte.

Al corrispondente di Repubblica Mastrolilli Donald Trump ha chiesto interessato come stesse andando Giuseppe Conte in questa campagna elettorale in vista delle elezioni del 25 settembre. Il leader del M5S era presidente del Consiglio durante la presidenza di Trump e i due si sono incontrati più volte. “How is my guy doing?» chiede, «Giuseppe, sì, Giuseppe. Ho lavorato bene con lui, spero che faccia bene».

Spiazza invece la sua vaghezza su Salvini che invece sostiene fortemente il tycoon. «Non lo so, non lo so. Però Conte è davvero una gran brava persona» snobbando ampiamente il leghista. Non è la prima volta che Trump prende le distanze da Salvini. Mentre solida sembra l’amicizia con Conte per cui spesso ha manifestato la sua stima.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Trump appoggia Conte ma “Giuseppe” prende le distanze

Sono famosi il tweet in cui lo chiama “Giuseppi” o quello in cui Trump aveva annunciato l’accordo per l’invio di materiale ospedaliero durante la pandemia: «Giuseppe was very very happy», aveva scritto Trump. Inoltre, come scrive Mastrolilli ad un pranzo organizzato dall’Onu Trump aveva ordinato di cambiare l’ordine dei posti perché voleva stare seduto vicino a Conte.

Anche da parte di Conte c’era molta stima nei confronti dell’ex presidente come dimostrato dal caso degli incontri tra i servizi segreti italiani e l’allora procuratore generale statunitense in cerca di prove sul complotto elettorale. In quell’ambito gli investigatori statunitensi avevano scoperto collegamenti tra i membri del comitato elettorale di Trump e il governo russo.

Per questioni elettorali, ultimamente Giuseppe Conte ha preso le distanze dal suo amico tycoon soprattutto dopo gli scandali giudiziari che l’hanno travolto. L’ex premier è andato ad occupare quel posto lasciato vuoto dalla sinistra per essere l’alternativa alla coalizione del suo ex amico Letta. Questo gli ha imposto un’ulteriore lontananza dall’ex presidente Usa. E a differenza sua per le prossime elezioni ha negato il suo endorsement «no, non faccio il tifo per Trump» ha dichiarato l’avvocato.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-09-2022


Sondaggi: FdI sorpassa la Lega al Nord che rischia

Bonino: immigrati e cannabis per riempire casse dello Stato