Il noto fumettista aveva appena 44 anni. Il decesso al termine di una lunga malattia.

È morto a 44 anni Andrea Paggiaro, in arte Tuono Pettinato, artista particolarmente apprezzato in ambito nazionale e internazionale. La notizia è stata rilanciata dalla rivista Fumettologica.

È morto Tuono Pettinato

Stando alle informazioni note, Tuono Pettinato è morto a soli 44 anni al termine di una lunga malattia. Non si hanno notizie dettagliate sulla malattia in questione.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Tuono Pettinato
Fonte foto: https://twitter.com/tuonopettinato

Chi era Andrea Paggiaro: la scienza, la storia e la musica a portata di tutti. Con grande intelligenza

Andrea Paggiaro si è formato al Dams di Bologna. Ha iniziato con illustrazioni su libri per bambini, poi è passato alle strisce, alle vignette e alle graphic novel. L’artista ha sempre mantenuto un forte legame con la storia e la cultura, lavorando nel mondo della divulgazione. I suoi lavori hanno avvicinato i più giovani alla storia e alla scienza. Proprio a proposito di Storia, Tuono Pettinato ha firmato un pregevole fumetto nel quale ha ripercorso le storie più significative della Resistenza.

Gli amanti della musica lo ricordano soprattutto per la sua biografia di Kurt Cobain e Freddie Mercury, due mostri sacri che lui ha catturato e fissato nella storia dei fumetti. Nel corso della sua carriera ha collaborato anche per alcuni lavori de la Repubblica.

Il nome d’arte e il riferimento all’opera di Borges, morto il 14 giugno

Pochi sanno come nasce il suo nome d’arte. Il riferimento è a La biblioteca di Babele dello scrittore Jorge Luis Borges, morto proprio il 14 giugno. Uno dei giochi del destino, il coronamento di una carriera di un artista che ha dato tanto al mondo dell’arte e della cultura. Un personaggio di spicco, un intellettuale con una rara capacità: quella di raggiungere un pubblico vastissimo, che pendeva dai suoi disegni. Ma i banali, mai senza un messaggio forte da veicolare.


CNN, imminente minaccia di fuga radioattiva dalla centrale nucleare cinese di Taishan

Scarcerato Marco Zennaro, era in carcere in Sudan. Trasferito ai domiciliari