Ennesimo incidente dopo quello di Gaziantep nel giro di 24 ore in Turchia: un camion è finito sulla folla uccidendo 16 persone.

Stavolta il teatro della tragedia è Derik, nun paese situato in provincia di Mardin, nel sud est della Turchia. Un uomo alla guida di un camion ha perso il controllo del suo veicolo, ed è andato a finire sulla folla uccidendo un gran numero di persone e ferendone altrettante.   

Nella vicenda sono decedute 16 persone, mentre altre 29 sono rimaste ferite. Dei feriti, otto sarebbero in condizioni gravi. L’incidente si è verificato in Turchia, qualche ora dopo dalla vicenda del tamponamento a catena avvenuto nella regione di Gaziantep. Si tratta dell’ennesimo incidente che ha provocato una moltitudine di vittime. 

Il ministro della Sanità turco ha dichiarato in merito alla tragedia: “Siamo devastati per questo secondo incidente”. Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni della tragedia, l’incidente sarebbe avvenuto a causa di un’avaria dei freni del camion. La dinamica dell’incidente è analoga a quella di Gaziantep. 

Il camion è finito sulla folla, colpendo – tra le altre persone – una squadra di soccorritori giunti sul luogo precedentemente per aiutare i mezzi rimasti coinvolti in un incidente verificatosi in precedenza. Da parte del governatore locale è arrivata la conferma dell’incidente insieme al bilancio. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’incidente di Gaziantep 

Il fatto è accaduto nel quartiere Nizip di Gaziantep. Un’ambulanza, i vigili del fuoco e il veicolo della trasmissione in diretta dell’agenzia di stampa İhlas sono stati colpiti da un autobus. Nell’incidente hanno perso la vita 15 persone. 

Ambulanza

La dichiarazione ufficiale dell’ufficio del governatore turco: “15 persone, tra cui 3 funzionari sanitari, 3 vigili del fuoco, 2 giornalisti dell’agenzia e 7 passeggeri, hanno perso la vita, 31 persone sono rimaste ferite e sono state trasferite in vari ospedali di Nizip e Gaziantep. ” 

Il ministro della Giustizia Bekir Bozdag: “Il nostro procuratore capo di Nizip ha nominato 3 pubblici ministeri. L’indagine forense è iniziata. L’indagine giudiziaria indagherà, concluderà e illuminerà l’incidente in tutti i suoi aspetti. Tuttavia, questa indagine non riporterà indietro le nostre anime perse”, dice. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 21-08-2022


Giangiacomo Feltrinelli, la morte di un importante editore italiano 

Cade dal dirupo e muore: stava recuperando il cellulare della ragazza