Turchia, forte esplosione a Diyarbakir. Da chiarire le cause, almeno quattro i feriti. La deflagrazione precede di appena cinque giorni un referendum cruciale per la Turchia sulla riforma costituzionale per l’introduzione del sistema presidenziale

AGGIORNAMENTO 11.40 – Fonti locali fanno sapere che sul luogo dell’esplosione erano in corso lavori di manutenzione a un mezzo blindato della polizia.

TURCHIA – Una forte esplosione è avvenuta pochi minuti fa in Turchia, a Diyarbakir, nel quartiere di Baglar nei pressi di una stazione di polizia che ospita le unità antisommossa. Ancora da chiarire le cause dell’esplosione, avvertita in diverse zone della città turca. Dal luogo colpito dalla detonazione si alzata una colonna di fumo alta diversi metri. Diverse ambulanze e mezzi della polizia sono arrivate sul luogo pochi minuti dopo l’esplosione.

Secondo quanto riportato dalle emittenti locali, si sarebbero registrati diversi danni agli edifici circostanti e ad alcune automobili parcheggiate nella zona, mentre i feriti sarebbero almeno quattro, di cui uno in gravi condizioni. La violenta deflagrazione, che si è sentita in tutta la città, precede di appena cinque giorni un referendum cruciale per la Turchia sulla riforma costituzionale per l’introduzione del sistema presidenziale che chiederà ai cittadini se approvano il rafforzamento dei poteri del presidente, Recep Tayip Erdogan.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 11-04-2017


Francia, incendio nel campo migranti: la tragedia è forse conseguenza di uno scontro tra afghani e curdi

Russia, Putin incontra Mattarella: “Spero che i rapporti con l’Italia migliorino”