Tuttosport: il Torino sogna di sostituire Zaza con Cutrone

Tuttosport: il Torino sogna di sostituire Zaza con Cutrone

I granata hanno messo sul mercato Simone Zaza e sognano di rimpiazzarlo con Patrick Cutrone. Il Milan fissa il prezzo: ecco le ultime

La sensazione che il mercato del Milan possa andare a stravolgere la squadra che ha concluso lo scorso campionato al quinto posto è forte. Il passaggio da Giampaolo a Gattuso, anche soltanto a livello concettuale, è enorme: i due allenatori vedono il calcio in maniera diametralmente opposta, quindi servono dei calciatori che siano compatibili col nuovo sistema di gioco del tecnico abruzzese. Per far questo, però, serve anche vendere: tra i calciatori in grado di dare consistenti plusvalenze, oltre a Gigio Donnarumma, c’è anche Patrick Cutrone.

Tuttosport: Cutrone, il Milan fissa il prezzo

Secondo quanto riportato dal quotidiano Tuttosport un paio di giorni fa, il Milan avrebbe dichiarato Cutrone non più incedibile. L’obiettivo, chiaramente, non è quello di svenderlo: per questo, la società di via Aldo Rossi avrebbe posto per la punta classe ’98 una base d’asta di 25 milioni di euro.

Il Torino, ancora una volta, sembra essere in vantaggio nella corsa a Patrick Cutrone. Affinché si realizzi la volontà di Cairo di vedere il giovane attaccante in granata, però, il club piemontese deve sgravarsi di un ingaggio importante come quello di Simone Zaza. Spal, Genoa e Sassuolo sembrano piste possibili per lui: il costo del suo cartellino si attesterebbe attorno ai 15 milioni di euro.

Patrick Cutrone Milan-Udinese Torino-Milan mercato Milan
Patrick Cutrone

Milan, quello di Cutrone sarebbe un addio doloroso

Le possibilità che la cessione di Cutrone porti a uno strappo con la tifoseria, comunque, non sono da escludere. Nonostante il ragazzo della cantera sia reduce da un campionato deludente (solo 3 reti messe a segno in Serie A), la tifoseria gli ha sempre reso onore per il grande impegno e l’attaccamento alla maglia sempre dimostrato.

Per lui, fra l’altro, l’annata è stata ancor più difficile a causa della presenza di colleghi di reparto assai ingombranti. Nei primi sei mesi c’è stato Higuain, poi andato al Chelsea. Quindi è arrivato Piatek, capace di prendersi la titolarità dell’attacco nel 4-3-3 di Gattuso a suon di gol.

ultimo aggiornamento: 24-06-2019

X