Twitter cambia timeline? Nasce #RIPTwitter per protesta

La notizia è trapelata in questi giorni: Twitter cambia timeline, passando a un sistema più simile a quello di Facebook. Ma gli utenti sembrano non gradire.

chiudi

Caricamento Player...

In Rete le cose cambiano molto in fretta, e forse proprio per quello la maggior parte degli utenti gradisce poco le novità se riguardano i suoi servizi preferiti. Per esempio, se Twitter cambia timeline, questo sembra sia inaccettabile per la maggior parte degli affezionati. La notizia, trapelata pochi giorni fa attraverso le pagine di BuzzFeed ma poi smentita, ha sollevato una vera tweetstorm, una “tempesta di tweet”, molti dei quali poco lusinghieri, che ha dato origine al trending topic #RIPTwitterRiposa In Pace, Twitter è il messaggio delle persone che, indispettite dai cambiamenti, sostengono che la piattaforma imiti sempre più il rivale Facebook, perdendo la propria identità.

Twitter cambia timeline e introduce un algoritmo

Una delle caratteristiche del popolare social media, oltre alla brevità, era il fatto che la timeline di ciascuno era in ordine rigidamente cronologico, senza nessun tipo di filtro o preselezione. Secondo quanto annunciato da Jack Dorsey, amministratore delegato di Twitter, questo sistema potrebbe essere sostituito da uno algoritmico, quindi basato su una serie di filtri, entro qualche giorno. La reazione degli utenti, già scontenti per il possibile abbandono del tradizionale limite di 140 caratteri, non si è fatta attendere.

Fra le contestazioni maggiormente ripetute su #RIPTwitter, il fatto che molti hanno scelto la piattaforma proprio perché diversa da Facebook, e il fatto che i fan non sembrano essere ascoltati. Da anni, per esempio, le persone chiedono un pulsante edit per poter modificare i tweet inviati, oppure strumenti più evoluti per la gestione dei messaggi.

Non tutto il male viene per nuocere, comunque. Anche se non è ancora certo se e quando le modifiche saranno realmente attuate, una cosa è certa: Twitter può vantare un pubblico intransigente ma affezionato, che vuole partecipare alla vita della piattaforma. E sicuramente non si lascerà sfuggire l’opportunità di ascoltare i suoi utenti, come testimonia anche il tweet dello stesso amministratore delegato, che smentisce un imminente riordino della timeline: “Siamo sempre in ascolto.”