Il caso del dj Fabo è arrivato in Corte Costituzionale. Verdetto rimandato, è stato chiesto alle Camere di legiferare.

MILANO – È iniziata in Corte Costituzionale l’udienza nei confronti di Marco Cappato per l’aiuto al suicidio e il caso del leader dell’associazione Luca Coscioni che ha accompagnato Dj Fabo in una clinica svizzera per porre fine alle sue sofferenze. Il governo ha preso una posizione ben precisa in questo processo e si è costituito a difesa della legge.

La Consulta ha rinviato il giudizio sul caso chiedendo alle Camere di legiferare sui casi di malattie terminali che rappresentano un vuoto legislativo complicato e delicato.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Marco Cappato: “Noi da cinque anni attendiamo l’intervento di un legislatore”

Al termine del primo dibattimento Marco Cappato si è fermato a parlare con i giornalisti: “Avevo capito – riporta l’ANSA – che tra gli obiettivi di questo governo ci fosse la rapida e certa trattazione delle leggi di iniziativa popolare. Noi da 5 anni attendiamo l’intervento di un legislatore sulla nostra legge di iniziativa popolare per l’eutanasia titolare”.

Se un presidente del Consiglio – sottolinea – interviene in giudizio contro di me per l’inammissibilità e infondatezza della questione rimandando all’intervento di un legislatore vuole dire che si è assunto una responsabilità politica“.

Attendo con massimo rispetto – conclude Cappato – qualunque sia la decisione dei giudici. Comunque andrà sarà l’occasione per fare chiarezza per altri casi e altre persone che si trovano nella stessa condizione“.

Marco Cappato

Suicidio Dj Fabo, la compagna Valeria: “Chiedo che venga sancito il diritto di poter scegliere”

Presente all’udienza anche Valeria Imbrogno, compagna di dj Fabo, che spiega il motivo della sua partecipazione: “Sono qui anche a nome di Fabiano. Chiedo alla Corte Costituzionale di avere l’apertura mentale che possa aiutare tutte le persone che si trovano in queste condizione. La sua vita non aveva più qualità del vivere e proprio per questo chiedo che venga sancito il diritto di poter scegliere“.

Di seguito il video con una delle udienze del caso Cappato

fonte foto copertina https://twitter.com/MediasetTgcom24

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-10-2018


Milano, romeno picchia moglie per gelosia: arrestato

Incendi nell’Agordino, abitanti chiusi in casa