Papa Francesco: meglio essere atei che cattolici ipocriti

Nella prima udienza del 2019 Papa Francesco si rivolge ai fedeli in maniera dura: “Molti cattolici vanno in chiesa tutti i giorni ma vivono odiando gli altri”.

CITTÀ DEL VATICANO – Il 2019 al Vaticano si apre con la prima udienza di Papa Francesco. Nel suo discorso il Pontefice ha puntato il dito verso le persone che frequentano la Chiesa ma parlano male degli altri: “Le persone che stanno nei luoghi sacri tutti i giorni – riporta il sito di Repubblica – e poi vivono odiando gli altri sono uno scandalo. Per questo dico meglio vivere come un ateo anziché dare una contro-testimonianza dell’essere cristiani“.

Parole molto dure da parte di Bergoglio che continua: “Il cristiano non è uno che si impegna ad essere più buono degli altri. Lui sa di essere un peccatore come tutti ma semplicemente sosta davanti alla rivelazione di un Dio che chiede ai suoi figli di invocarlo con il nome di Padre“.

Papa Francesco
Papa Francesco (fonte foto https://twitter.com/Gianluca_Teseo)

Papa Francesco nell’udienza generale: “Il Vangelo è rivoluzionario”

Papa Francesco ai fedeli consiglia di prendere le distanze dagli ipocriti: “C’è gente che è capace di tessere preghiere atee, senza Dio. Loro la fanno per essere ammirati dagli uomini ma la preghiera cristiana ha un solo testimone: la propria coscienza“.

In conclusione al suo discorso il Pontefice spiega che “dove c’è il Vangelo, c’è rivoluzione“. “Il Vangelo – sottolinea Bergoglio – non lascia quieti, ci spinge: è rivoluzionario. In particolare quello di Matteo pone il testo del Padre Nostro in un punto strategico, al centro del discorso della montagna. Beati i poveri, i miti, i misericordiosi, le persone umili di cuore. È la rivoluzione del Vangelo“.

Non è la prima volta che il Pontefice lancia dei chiari messaggi ai fedeli. Parole molto dure da parte di Papa Francesco che richiama i fedeli a non odiare il prossimo.

Di seguito il video con l’Udienza Generale di Papa Francesco

ultimo aggiornamento: 02-01-2019

X