Unione europea, stop al consumo di prodotti di plastica monouso entro il 2021. Italia all’avanguardia con il divieto di vendita dei cotton fioc nel 2019.

Italia all’avanguardia nella lotta ambientalista lanciata dall’Unione europea, che si è proposta di eliminare il consumo di prodotti di plastica monouso entro il prossimo 2021. Il governo italiano ha disposto il divieto di vendere i cotton fioc, quelli tradizionali con il bastoncino di plastica. Il provvedimento rientra nell’ultima manovra del governo Gentiloni.

Ue, stop al consumo di plastica monouso entro il 2021

Il Parlamento europeo ha deciso di bandire una serie di prodotti usa e getta di plastica come le posate, le cannucce e addirittura i bastoncini per i palloncini. Il provvedimento è stato approvato con 571 voti favorevoli ed è stato studiato per provare a porre un rimedio alla diffusione di quelle sostanze che, stando agli ultimi dati disponibili, costituiscono ben il 70% dei rifiuti marini.

Questi prodotti di plastica monouso saranno banditi dai paesi membri dell’Unione europea entro il 2021 e il Parlamento avvierà a breve i negoziati con il Consiglio per stabilire i tempi e i modi della messa in atto del provvedimento.

Stop al consumo di plastica monouso: la proposta della commissione europea

La direttiva nasce da una proposta approvata lo scorso maggio dalla Commissione europea e prevede che i prodotti usa e getta siano composti esclusivamente da materiali eco-sostenibili. Entro il 2025, inoltre, i paesi membri dell’Unione europea dovranno dotarsi di deposito per la raccolta della bottiglie di plastica e dovranno studiare un piano per la riduzione a livello nazionale.

Questa Commissione ha promesso di agire in grande sulle grandi questioni e lasciare il resto agli Stati membri – aveva dichiarato a maggio Frans Timmermans, Vicepresidente responsabile per lo sviluppo sostenibile. È innegabile che i rifiuti di plastica siano una grande questione e gli europei devono agire insieme per affrontarla, tanto più che i rifiuti di plastica finiscono nell’aria che respiriamo, nel suolo, negli oceani e sulle nostre tavole.

Le proposte ridurranno, con una serie di misure, i prodotti di plastica monouso che ora troviamo sugli scaffali dei supermercati. Alcuni di essi saranno messi al bando, ma ciò non significa che dovremo rinunciarvi, perché saranno sostituiti da alternative più pulite“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri evidenza plastica monuso unione europea

ultimo aggiornamento: 31-12-2018


Tempesta tropicale nelle Filippine: alluvioni e frane in diverse zone

Bolsonaro a Netanyahu: “Il Brasile trasferirà l’ambasciata in Israele a Gerusalemme”