Ufficiale francese denunciato per tradimento: si ipotizza che fosse una spia dei russi. Era di stanza in una base Nato in Italia. Indagini in corso.

Un ufficiale francese è stato denunciato per tradimento a favore della Russia. Secondo le ipotesi l’uomo, di stanza in una base NATO in Italia, spiava per i russi, ai quali avrebbe fornito documenti segreti.

Ufficiale francese denunciato con l’accusa di essere una spia dei russi

Secondo le prime ricostruzioni, alla fine dello scorso mese di luglio sarebbe stato aperto un fascicolo per tradimento in collusione con una potenza straniera, che sarebbe la Russia, stando a quanto riferito dai media. L’ufficiale francese sarebbe anche riuscito a raccogliere informazioni. Resta da capire se sia anche riuscito a trasmetterle e soprattutto se abbia agito anche in altre occasioni.

L’arresto è scattato nella giornata del 21 agosto in attesa che le indagini e la giustizia facciano effettivamente luce sul caso che ovviamente sarebbe decisamente spinoso anche dal punto di vista diplomatico.

Nel caso in cui l’ufficiale fosse effettivamente considerato colpevole rischierebbe una condanna a 15 anni di carcere.

Mosca
Mosca

La conferma di Parly

La conferma (parziale) arriva dalla ministra della Difesa Florence Parly, la quale ha fatto sapere che un ufficiale è sotto procedimento giudiziario per attentato alla difesa. Insomma, era difficile ottenere informazioni più dettagliate ma siamo di fronte a quella che possiamo considerare come una conferma effettiva.

Riflettori su Parigi

Ovviamente i riflettori si spostano ora su Parigi, che sarà probabilmente chiamata in qualche modo a collaborare fornendo informazioni sul militare, ricostruendo la sua carriera, i suoi incarichi, le sue missioni.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza francia Nato Russia

ultimo aggiornamento: 31-08-2020


Le amiche fanno una colletta per Giulia: servono oltre 100 mila euro per le cure a Innsbruck

Migranti, a Lampedusa in arrivo tre navi quarantena