Chiuderà il 28 marzo ‘Live-Non è la d’Urso’. La decisione è stata presa da Mediaset dopo gli ascolti bassi.

MILANO – Live-Non è la d’Urso chiuderà i battenti in prima serata domenica 28 marzo. Dopo le diverse indiscrezioni e le polemiche per le parole di Nicola Zingaretti, Mediaset ha deciso di confermare la decisione anticipata nei giorni scorsi e sospendere in anticipo il programma condotto da Barbara D’Urso.

L’ultima puntata, almeno per questa stagione televisiva, è in programma il 28 marzo. Da aprile, quindi, dovrebbe tornare come pre-serale Paolo Bonolis, mentre sulla prima serata non si hanno ancora notizie.

La nuova ‘veste’ di Barbara D’Urso

Nonostante questa decisione, Barbara D’Urso continuerà ad essere un punto di riferimento per le reti Mediaset (almeno per questa stagione televisiva). Il pomeriggio domenicale, infatti, sarà sempre occupato dalla conduttrice con una diretta di quattro ore (15-18.45).

La nuova programmazione entrerà in vigore dall’11 aprile, la prima domenica senza la prima serata con Barbara D’Urso. Il 4 aprile, giorno di Pasqua, non era nel palinsesto Live-Non è la D’Urso. Per quanto riguarda Pomeriggio Cinque, non ci sono particolari variazioni. La trasmissione continuerà fino a giugno come ogni anno. Solamente durante l’estate si valuterà se cambiare qualcosa o continuare con il consueto format.

Barbara D'Urso
Barbara D’Urso

Crippa: “Una professionista che non ha mai tradito il suo pubblico”

La decisione presa da Mediaset è stata commentata da Mauro Crippa, direttore generale dell’informazione, riportato dal Corriere della Sera: “Barbara D’Urso è capace di guardare oltre i confini del tradizionale pubblico delle news. Sa parlare un linguaggio semplice, informa e diverte le famiglie che trascorrono a casa la domenica. Sa spiegare la politica anche a chi normalmente non la segue. Barbara è una risorsa per Mediaset, una professionista che non ha mai tradito il suo pubblico“. Parole che fanno ipotizzare una conferma anche la prossima stagione.


Italia blindata fino a Pasqua, un altro mese di divieti. La bozza del Dpcm

Polemica sulla Rai per finti stupri nelle fiction