Ue, il commissario Oettinger: se l’Italia non soddisferà le richieste non ci saranno margini per evitare la procedura di infrazione per debito eccessivo.

Il commissario Ue Oettinger gela l’Italia e svela che la procedura per infrazione potrebbe essere applicata già in settimana. Cestinate le parole di comprensione emerse nei giorni scorsi, l’Unione europea torna a mettere alle strette il governo italiano con quello che a tutti gli effetti suona come un ultimatum.

Ultimatum di Oettinger all’Italia: austerità o procedura

Chiaro e perentorio il messaggio di Oettinger: se il governo di Roma non dovesse mettere in campo misure all’insegna dell’austerità si procederà con la procedura di infrazione per debito eccessivo. Operazione che potrebbe prendere formalmente il via già nel corso della settimana.

Parlamento europeo
Fonte foto: https://www.facebook.com/europeanparliament

L’intervista di Oettinger

Bisogna vedere se, in questi giorni, gli italiani riusciranno a soddisfare le richieste della Commissione per quanto riguarda sia le entrate sia le uscite del progetto di bilancio per il 2020. Se non lo faranno, non avremo margini di manovra per evitare la procedura di infrazione“, ha dichiarato Oettinger ai microfoni del Rhenische Post.

Il governo italiano deve pensarci tre volte prima di deludere le aspettative dell’Ue“, ha chiosato il commissario con un tono decisamente minatorio.

La posizione del governo italiano

In occasione del G20 e del vertice europeo per la nomina dei Commissari, il premier italiano Giuseppe Conte aveva fatto sapere di essere fiducioso che l’Italia avrebbe scongiurato il rischio della procedura. Un moderato ottimismo condiviso anche da Giovanni Tria, titolare del Mef.

La situazione sembra in realtà più complicata del previsto e lo spettro di una stagione all’insegna dell’austerità resta decisamente concreto. Con possibili conseguenze sul governo.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia evidenza Oettinger procedura d'infrazione

ultimo aggiornamento: 01-07-2019


L’allarme dell’Eurostat: il 29 per cento dei giovani italiani non lavora e non studia

Istat, disoccupazione in calo: mai così bene dal 2012