Il 28 novembre 1925 Umberto Veronesi nasceva a Milano. E’ stato uno dei pionieri della della lotta contro il cancro.

Umberto Veronesi è stato uno dei pionieri nella lotta contro il cancro. Il suo impegno e le sue scoperte rappresentano un vero è proprio patrimonio per il mondo della medicina.

Chi era Umberto Veronesi, la carriera

Nato a Milano il 28 novembre 1925, Umberto Veronesi si è laureato in medicina nel 1951, specializzatosi in chirurgia presso l’Università degli studi di Pavia nel 1956, ha svolto la sua carriera scientifica (salvo brevi periodi di lavoro in Francia e in Inghilterra), entrando a far parte dell’Istituto tumori subito dopo la laurea.

È stato direttore scientifico dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano dal 1976 al 1994.

Fondatore e Presidente della Fondazione Umberto Veronesi, ha fondato e ricoperto il ruolo di direttore scientifico e di direttore scientifico emerito dell’Istituto europeo di oncologia.

Il cancro al seno: un lavoro lungo decenni

La sua attività clinica e di ricerca è stata incentrata per decenni sulla prevenzione e sulla cura del cancro. In particolare si è occupato del carcinoma mammario, prima causa di morte per tumore nella donna; in tale ambito è stato il primo teorizzatore e strenuo propositore della quadrantectomia, dimostrando come nella maggioranza dei casi le curve di sopravvivenza di questa tecnica, purché abbinata alla radioterapia, sono le medesime di quelle della mastectomia, ma a impatto estetico e soprattutto psicosessuale migliore.

https://www.youtube.com/watch?v=qR0DsckyYoc&ab_channel=FondazioneUmbertoVeronesiChannel

Ministro e senatore

Da sempre vicino al Partito Socialista Italiano, negli anni ottanta Veronesi venne chiamato da Bettino Craxi a far parte dell’assemblea nazionale del PSI.

Nel 2000 è entrato a far parte del Governo Amato come Ministro della Sanità, incarico terminato l’anno successivo.

Dal 29 aprile 2008 fino al febbraio 2011 è stato senatore del Parlamento Italiano nella XVI Legislatura eletto con il Partito Democratico.

Senato
Senato

La morte di Umberto Veronesi

Veronesi è morto l’8 novembre 2016 nella sua casa a Milano. Ai funerali, che si sono tenuti presso Palazzo Marino, hanno preso parte anche esponenti della politica come Beppe Sala, sindaco di Milano.

Le cause della morte di Umberto Veronesi sono state ben tutelata dalla doverosa privacy. Privacy dovuta ad ogni uomo. Nelle ore immediatamente successive al decesso le agenzie di stampa hanno battuto la notizia della morte di Veronesi facendo sapere che le sue condizioni si erano aggravate nel corso delle ultime settimane di vita. Facendo intendere che Veronese avesse dovuto far fronte al progredire di una malattia.

L’ipotesi della malattia ha trovato poi conferma nelle parole dei familiari già il giorno dei funerali di Veronesi.

La Fondazione Umberto Veronesi

La Fondazione Umberto Veronesi, che ha visto la luce nel 2003, rappresenta un vero e proprio faro nella tempesta della lotta alle malattie oncologiche. Nasce dall’impegno di Umberto Veronesi e altri scienziati di fama internazionale.

Ma di cosa si occupa? Per descrivere la missione ci rifacciamo alle parole usate proprio sul sito ufficiale della Fondazione:

sostiene la ricerca scientifica attraverso l’erogazione di borse di ricerca per medici e ricercatori e finanzia progetti di altissimo profilo che possano elaborare nuove conoscenze e nuove cure per le malattie;

realizza campagne di prevenzione e educazione che promuovono l’adozione di stili di vita sani e consapevoli, in sinergia con le scuole e con realtà pubbliche e private del mondo della ricerca, dell’informazione, dell’editoria;

organizza conferenze internazionali che raccontano il futuro della scienza e il ruolo che la scienza può avere nel promuovere la pace e il benessere dei popoli.

Per ulteriori informazioni consultare il sito internet della fondazione.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
28 novembre 1925 milano Oncologia tumori Umberto Veronesi

ultimo aggiornamento: 28-11-2020


La carriera di Roberto Mancini, ct dell’Italia

Mario Monicelli, dieci anni dalla morte del regista italiano