Si avvicina il momento della resa dei conti tra Renzi e Conte e dalla crisi di governo potrebbe nascere un Conte Ter con un Ministero anche per la Boschi.

Continua a tenere banco la crisi di governo invocata da Italia Viva, con Matteo Renzi intenzionato a regolare i conti con il premier Conte prima di procedere con la formazione di un nuovo esecutivo, che potrebbe essere guidato sempre da Conte, che a quel punto sarebbe alla guida di un terzo governo.

La crisi di governo, il Conte Ter e un ministero per la Boschi

Con il trascorrere dei giorni si avvicina il momento della resa dei conti e aumentano le voci sui nomi dei ministri che potrebbero far parte del nuovo esecutivo. E uno dei nomi caldi è quello di Maria Elena Boschi. La sua candidatura è spinta da Matteo Renzi e non dispiacerebbe al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

La Boschi potrebbe entrare come ministra dei Trasporti al posto della de Micheli o al Ministero del Lavoro al posto di Nunzia Catalfo, ministra in quota Movimento 5 Stelle.

Maria Elena Boschi
Maria Elena Boschi

Le ipotesi

È bene evidenziare che al momento ci muoviamo su un terreno scivoloso, quello delle ipotesi e delle indiscrezioni. Conte potrebbe essere costretto a passare per il Quirinale, a quel punto anche il Conte Ter non sarebbe per nulla scontato.

Renzi non sarà ministro

Una delle poche certezze, se dobbiamo fidarci delle dichiarazioni circolate in questi giorni, è che Matteo Renzi non è intenzionato a fare il ministro. Lo ha detto lo stesso leader di Italia Viva ai microfoni di Quarta Repubblica, facendo quindi sapere di non essere intenzionato ad entrare nella squadra di governo. I bene informati sostengono che Renzi abbia ambizioni internazionali e non si esclude un approdo alla Nato.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
crisi di governo Maria Elena Boschi Matteo Renzi politica

ultimo aggiornamento: 06-01-2021


Renzi: “Abbiamo un problema politico con Conte”. Di Maio: “Abbiamo la responsabilità di andare avanti”

Speranza alza l’asticella: 70.000 vaccini al giorno. Ma in Lombardia consegnate 46.000 siringhe inadatte