Aborto: in Ungheria sarà obbligatorio ascoltare il battito del feto
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Aborto: in Ungheria sarà obbligatorio ascoltare il battito del feto

Aborto: in Ungheria sarà obbligatorio ascoltare il battito del feto

L’Ungheria ha introdotto regole più ristrettive in materia di aborto.

Prima di abortire sarà obbligatorio ascoltare il battito cardiaco del feto. Lo ha deciso il governo illiberale di Orbàn in Ungheria che ha approvato una norma che restringe la pratica dell’interruzione volontaria di gravidanza. Secondo il decreto il personale sanitario che si occupa di far abortire le donne dovrà far sentire alle pazienti il battito del feto e mostrare funzioni vitali “in modo chiaramente riconoscibile”.

Medici e ostetrici dovranno inoltre attestare questa pratica perché senza questo documento la paziente non potrà abortire. In Ungheria l’aborto è legale dal 1953 e le leggi in materia di accesso all’interruzione volontaria di gravidanza sono rimaste invariate. Ma il nuovo decreto è stato visto da Amnesty International “un preoccupante passo indietro.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Vikor Orban
Vikor Orban

La destra occidentale contro l’aborto

La parlamentare di estrema destra Dora Duro, tra i sostenitori del decreto, ha commentato questa misura del governo dicendo che servirà «a fare informazione sull’impatto di quello che veramente si sta facendo: molte persone considerano un feto solo un grumo di cellule» ha scritto su Fb. Il tema del calo delle nascite in Ungheria è diventato uno degli argomenti più urgenti e cari al governo autoritario di Orbàn.

Il premier insiste sui valori della famiglia tradizionale, ha di recente limitato i diritti della comunità Lgbt+ e nel 2019 aveva introdotto una legge che esentava tutte le donne con più di quattro figli dal pagamento delle tasse. Ora questa nuova legge che costringe le donne che vogliono abortire ad ascoltare il battito del feto. Il motivo è che “Quasi i due terzi degli ungheresi associano l’inizio della vita di un bambino al primo battito cardiaco” ha spiegato il ministero dell’Interno.

L’accesso all’aborto in Europa e negli Stati Uniti sta divendando sempre più a rischio e più complesso. Dopo la sentenze della Corte Suprema Usa anche altri paesi conservatori e di destra stanno prendendo questa piega. Il nostro paese è a rischio secondo molti nel momento in cui avremo un governo di destra dopo le elezioni del 25.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2022 12:08

Covid, crollano i ricoveri in Italia 

nl pixel