Un uomo di 66 anni è annegato nel lago di Levico, le ultime

Tragedia in Trentino, 66enne annegato nel lago di Levico

Un uomo di 66 anni è annegato nel lago di Levico. La vittima non è più risalito dopo un tuffo dal pedalò.

LEVICO (TRENTO) – Un uomo di 66 anni è annegato nel lago di Levico, in provincia di Trento. Secondo una prima ricostruzione, la vittima è uscita con un pedalò nel pomeriggio di martedì 7 luglio 2020. Arrivato al largo si è tuffato e, per motivi ancora da accertare, non è più risalito.

Immediato l’allarme da parte dei bagnanti, ma per l’uomo ormai non c’era più niente da fare. Il magistrato ha autorizzato l’autopsia sul corpo dell’uomo per cercare di accertare meglio le cause del decesso.

Quarto incidente in poco più di un mese

E’ allarme in Trentino per gli incidenti avvenuti nei laghi. L’uomo morto a Levico è il quarto in poco più di un mese con il bilancio che potrebbe aumentare nelle prossime settimane.

La prima tragedia risale al 2 giugno quando al lago di Caldaro, in provincia di Bolzano, un ragazzo di 28 anni ha perso la vita in circostanze molto simile al pensionato 66enne. Il 15 giugno è stato un 19enne a perdere la vita dopo essere stato per circa 20 minuti sott’acqua al lago di Caldonazzo. Il precedente a quello di Levico, invece, è avvenuto domenica 5 luglio con un 36enne che ha perso la vita sempre nel lago di Caldonazzo.

Ambulanza
Ambulanza

Il bilancio si aggrava

Il bilancio in Italia degli incidenti in mare o nel lago si aggrava giorno dopo giorno. Un’emergenza che rischia di continuare anche nelle prossime settimane visto che l’estate è appena iniziare e le vacanze per molti devono ancora prendere il via.

Gli esperti, come succede ogni anno, raccomandano la massima cautela per evitare incidenti mortali. L’attenzione deve restare molto alta anche in montagna visto che anche in quei luogi i pericoli continuano ad essere elevati nonostante l’assenza delle basse temperature e della neve.

ultimo aggiornamento: 08-07-2020

X