Un uomo di 32 anni è stato arrestato a Legnano per aver molestato la figlia. La denuncia presentata dalla madre.

LEGNANO (MILANO) – Un uomo di 32 anni è stato arrestato a Legnano, in provincia di Milano, con l’accusa di abusi nei confronti figlia di 4. Il fermo, come riportato dal Corriere della Sera, è scattato nella giornata di venerdì, ma i carabinieri lo hanno reso noto solo qualche giorno dopo.

A denunciare la vicenda è stata la madre dopo una segnalazione da parte di una amica. Si indaga per molestie nei confronti della piccola e nei prossimi giorni l’uomo sarà ascoltato anche dal magistrato, chiamato a confermare il fermo.

Gli abusi

Le molestie erano rimaste ‘nascoste’ fino a qualche settimana fa. A insospettire la madre è stata una sua amica che, secondo quanto scritto dal quotidiano italiano, avrebbe visto l’uomo toccare in modo strano la piccola.

Una frase che ha portato la madre ad inserire delle microspie e telecamere all’interno dell’appartamento. Un’indagine privata che ha portato alla conferma di quanto detto dall’amica e, soprattutto, alla denuncia della donna ai carabinieri.

Carabinieri
Carabinieri

Le indagini

Subito dopo la denuncia, i carabinieri hanno visionato le immagini e ascoltato amici e parenti della coppia. Un’indagine che si è conclusa in poco tempo. Nella giornata di venerdì 9 aprile 2021 il blitz e il fermo dell’uomo con l’accusa di molestie nei confronti della figlia.

Nei prossimi giorni è in programma l’interrogatorio nel carcere di Busto Arsizio per accertare meglio quanto successo e capire il perché di questi gesti verso la figlia. Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e presto gli inquirenti proveranno ad approfondire l’accaduto. Da accertare da quanto andavano avanti queste molestie e se altre bambine sono state vittime per caso dell’uomo. Al momento, però, non risultano denunce o altri episodi finiti nel mirino degli inquirenti milanesi.


Cina shock: vaccino contro il Covid poco efficace

In 300 in strada per il video di un rapper: bottiglie, sassi e bastoni contro la polizia