Un uomo di 40 anni è rimasto ferito al culmine di una lite scoppiata nel Napoletano. Arrestate quattro persone per tentato omicidio.

SAN VITALIANO (NAPOLI) – Un uomo di 40 anni è rimasto ferito nel Napoletano al culmine di una lite avvenuta nelle prime ore di mercoledì 4 agosto 2021. L’aggressione è accaduta a San Vitaliano e sono in corso gli approfondimenti del caso per accertare il motivo di questa lite. I carabinieri hanno fermato quattro persone con l’accusa di tentato omicidio in concorso e danneggiamento aggravato.

40enne ferito al culmine di una lite

L’aggressione, secondo quanto scritto da La Repubblica, è avvenuta nella notte tra il 3 e il 4 agosto 2021. Il 40enne molto probabilmente ha discusso con quattro persone quando è stato aggredito dal branco con un tirapugni ed un coltello.

Gli aggressori hanno danneggiato anche le due auto dell’uomo prima di far perdere le proprie tracce. Gli inquirenti, però, sono riusciti a ricostruire meglio la dinamica di quanto successo e fermare i quattro con l’accusa di tentato omicidio in concorso e danneggiamento aggravato. I punti da chiarire sono ancora diversi e nelle prossime ore l’uomo potrebbe essere ascoltato ancora una volta dagli inquirenti. I medici non hanno ancora sciolto la prognosi e i carabinieri attendono l’ok dei medici per capire meglio quanto successo in questo litigio.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Indagini in corso

Le indagini sono in corso per accertare meglio quanto successo. Da capire se in passato c’erano stati altri litigi tra le persone coinvolte nella discussione oppure si trattava del primo incontro. Nelle prossime ore gli accertamenti continueranno e non si esclude il coinvolgimento di altre persone.

La persona aggredita è stata ricoverata in ospedale ma non sarebbe in pericolo di vita anche se i medici non hanno ancora sciolto la prognosi.


Aprica, 15enne denuncia una violenza. C’è un fermo

La vaccinazione completa protegge anche dalla variante Delta del Covid