Un uomo di 83 anni è morto a Palermo in seguito ad in un incendio divampato nella propria abitazione. Indagini in corso.

PALERMO – Tragedia nella notte tra il 9 e il 10 marzo 2020 a Palermo dove un uomo di 83 anni è morto in seguito ad un incendio divampato nella propria abitazione. L’arrivo dei vigili del fuoco non è servito a salvare la vita all’anziano che è deceduto poco dopo lo scoppio del rogo.

La Procura del capoluogo siciliano ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire meglio la dinamica dell’incidente. Si pensa a cause accidentale ma si attendono i rilievi per confermare questa prima ipotesi.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Incendio nella notte a Palermo, un morto

Secondo le prime informazioni, l’incendio è divampato poco prima delle 6 di martedì 10 marzo 2020 in un’abitazione allo Zen. A prendere fuoco è stata una coperta elettrica molto probabilmente per cause accidentali. Questa ha portato al rogo e alla morte dell’uomo di 83 anni che in quel momento si trovava nell’appartamento.

Toccherà ai rilievi dei vigili del fuoco cercare di ricostruire meglio la dinamica e capire l’origine del rogo. Al loro arrivo l’anziano era ormai morto e il magistrato presto potrebbe predisporre l’autopsia sul corpo dell’uomo per cercare di accertare meglio le cause del decesso.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

La Procura di Palermo apre un’indagine

La Procura di Palermo ha aperto un’indagine per cercare di ricostruire meglio le dinamiche di questo incendio. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di un incidente non voluto ma toccherà agli inquirenti confermare o smentire questa pista.

Sono in corso tutti gli accertamenti con i militari che nelle prossime ore ascolteranno anche i vicini e i parenti della vittima per cercare di ricostruire le ultime ore di vita dell’anziano. Una morte accidentale, molto probabilmente, visto che a prendere fuoco è stata una coperta elettrica forse malfunzionante. Anche su questo oggetto sono in corso tutte le verifiche.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/vigilidelfuocolafanpage

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 10-03-2020


Hiv, guarito il ‘paziente inglese’: è la seconda persona al mondo

La sentenza della Cassazione: “No al pendolarismo dei figli dei genitori separati”