Un uomo è stato ucciso a Parigi dalla polizia dopo un tentativo di aggressione ad un agente. Le autorità: “Evitate la zona”.

PARIGI (FRANCIA) – Un uomo è stato ucciso a Parigi dalla polizia. Secondo quanto riportato dall’Ansa, la reazione degli inquirenti sarebbe avvenuta dopo un tentativo di aggressione ad un agente. L’episodio è successo nei pressi di Montmartre.

Le autorità locali hanno invitato i cittadini di rimanere a casa ed evitare la zona almeno fino a quando non si hanno certezze su quanto accaduto. Nessuna ipotesi, infatti, è esclusa e nelle prossime ore saranno effettuati tutti gli accertamenti del caso.

L’aggressione

L’aggressione sarebbe avvenuta vicino a Montmaitre nella giornata di domenica 14 marzo. L’uomo è rimasto ucciso al termine di una colluttazione con gli agenti che si trovavano in quella zona.

Massimo riserbo sia sull’identità del presunto aggressore che sul movente dell’episodio. In corso tutti gli accertamenti del caso. Da parte delle autorità locali l’invito alle persone di non arrivare in zona. Non si esclude l’ipotesi terrorismo, ma lo scenario più probabile sembra essere quello di un gesto da parte di uno squilibrato.

Polizia
Polizia

Massima allerta in Francia

L’episodio ha fatto rialzare l’attenzione in Francia per possibili attentati terroristici. Non un periodo sicuramente semplice per il Paese transalpino. Le misure restrittive, infatti non stanno dando i risultati sperati e nelle ultime ore si è registrato un incremento dei contagi. Da qui l’ipotesi di un lockdown nelle zone con più contagi.

Tra le città più a rischio c’è anche quella di Parigi che, in questa domenica di marzo, deve fare i conti anche con un possibile attacco terroristico. Un uomo ha tentato di aggredire un poliziotto. Immediata la replica con l’aggressore che è stato ucciso. Massimo riserbo sull’identità e sui motivi di quanto successo. Sono in corso gli accertamenti anche per capire se si è trattato di un gesto solitario oppure organizzato anche da altre persone.


Papa Francesco: “Mettere la famiglia al centro dell’attenzione della Chiesa e della società”

Vaccini, l’Ue: “Non avremo ritardi nel primo trimestre”