Uomo ucciso da un carabiniere in Trentino. Il militare ha aperto il fuoco per difendersi da una aggressione.

PILCANTE (TRENTO) – Un uomo di 44 anni è stato ucciso da un carabiniere in Trentino nel pomeriggio di venerdì 9 aprile 2021. La tragedia, come raccontato da La Repubblica, è successa a Pilcante, una frazione di Ala.

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e ricostruire la dinamica di questo incidente. Si tratta di una vicenda da chiarire e nelle prossime ore il militare potrebbe essere ascoltato ancora una volta dagli inquirenti.

44enne ucciso da un carabiniere

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, il 44enne non si sarebbe fermato ad un posto di blocco dei carabinieri.

Da qui è nato un primo inseguimento, con l’uomo che ha fatto perdere le sue tracce. In un secondo momento, però, gli inquirenti sono riusciti a risalire alla sua identità grazie a degli accertamenti. I militari, all’arrivo a casa dell’uomo, sarebbero stati accolti dal 44enne con una accetta in mano. Il pregiudicato si sarebbe scagliato prima sull’auto e poi sugli stessi carabinieri.

Da qui la reazione di uno dei due militari. Un colpo che si è rivelato fatale per l’uomo. Immediata la chiamata ai soccorsi, ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Indagini in corso

Le indagini su quanto successo sono ancora in corso. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di legittima difesa e nelle prossime ore gli inquirenti potrebbero ascoltare ancora una volta il militare per provare a ricostruire meglio l’accaduto.

Diversi i punti da chiarire nelle prossime ore. La Procura dovrà chiarire quanto successo in questo paesino del Trentino. Una tragedia che ha sconvolto l’intera cittadina visto che episodi simili non accadono tutti i giorni.


Nuova ordinanza del Generale Figliuolo. Come cambia la campagna di vaccinazione

4 casi di trombosi, l’Ema indaga sul vaccino Johnson and Johnson