L’uragano Ida è arrivato in Louisiana. I venti sono più forti di quelli di Katrina e si temono diversi danni.

ROMA – L’uragano Ida è arrivato in Louisiana. Dopo le piogge e i danni provocati da Henri, gli Stati Uniti sono alle prese con una nuova tempesta destinata a creare diversi disagi nelle zone colpite. Secondo quanto riportato dall’Ansa, la forza sembra essere più forte di quella di Katrina. Le autorità hanno diramato la massima allerta.

In Louisiana, il primo Stato ad essere colpito dalla forza del maltempo, un milione di persone circa sono senza elettricità e le piogge stanno creando diversi danni.

E al 30 agosto purtroppo si registra la prima vittima dell’uragano. Stando a quanto riferito dai media locali, si tratterebbe di una persona travolta dalla caduta di un albero. Tra il 30 e il 31 agosto è stata confermata la presenza di una seconda vittima.

La forza dell’uragano Ida

L‘uragano Ida è passato a categoria 4 su una scala di 5. Nella giornata di domenica l’uragano è stato declassificato prima a categoria 2 e poi a categoria 1. Ovviamente dopo aver toccato terra ha perso potenza.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Alluvione maltempo
Alluvione maltempo

Stati Uniti, emergenza a New York e in New Jersey

Gli Stati Uniti sono in emergenza per l’uragano Ida. La forza dei venti spaventa e non poco. New Orleans sta facendo i conti con la tempesta ma a preoccupare principalmente è la situazione delle zone di provincia, più colpite dalla tempesta.

Sono almeno venti le persone che hanno perso la vita nella zona di New York a causa del passaggio dell’uragano. Il bilancio, purtroppo provvisorio, è stato reso noto dal New York Times. Secondo quanto riferito dal quotidiano, tra le vittime ci sarebbe anche un bambino di due anni. Non sarebbe ancora chiaro se si tratta di un bambino o una bambina.

Dichiarato lo stato di emergenza anche in New Jersey, dove le precipitazioni hanno causato danni ingenti.

ultimo aggiornamento: 02-09-2021


È morto Mikis Theodorakis, l’uomo del Sirtaki

Instagram down, problemi di accesso e di aggiornamento. Cosa sta succedendo