Ius Soli, la ministra Beatrice Lorenzin dice no: “Riproviamoci con la prossima legislatura”

Il ministro Lorenzin ospite della trasmissione ‘Circo Massimo’ dice: “Servono modifiche e una maggioranza più ampia”.

chiudi

Caricamento Player...

ROMA – Ius Soli addio almeno per il momento. Dopo la chiusura arrivata nei giorni scorsi di Angelino Alfano, oggi anche la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, chiude le porte ad una possibile approvazione del decreto legge in questa legislatura: “Va portato – dichiara ai microfoni della trasmissione ‘Circo Massimo‘ su Radio Capitalcome primo atto della prossima, perché p una norma che deve agevolare il percorso di integrazione”. La ministra critica anche il testo attuale: “Da Montecitorio poteva uscire un po’ meglio“.

Beatrice Lorenzin a ‘Circo Massimo’: “Una norma così non sarebbe passata”

Beatrice Lorenzin ammette: “Andrebbe rivisto un po’ l’emendamento. Quello che è passato nell’opinione pubblica è che tutti gli immigrati devono diventare italiani. Cosa non vera. Ma una norma così non sarebbe passata, sarebbe stata divisa“. In conclusione la ministra della Salute indica la via secondo lei giusta: “Bisognerebbe – dice – seguire la strada che ha portato al via libera al decreto dei vaccini: rinunciare alla fiducia per poter fare un percorso che apra a emendamenti, punti di trasformazione e a una maggioranza più ampia“.

Per il momento il discorso è chiuso, tutto rimandando minimo al 2018.