Negli USA è stata avviata un’indagine su trenta milioni di veicoli che montano airbag Takata potenzialmente difettosi.

Negli USA è stata aperta un’indagine su trenta milioni di veicoli che montano airbag della Takata; si tratta di airbag considerati come potenzialmente difettosi, quindi non sicuri se non addirittura pericolosi.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

USA, airbag Takata potenzialmente difettosi: indagine su trenta milioni di veicoli

La notizia è stata riportata da Reuters che cita un documento governativo. L’indagine è affidata agli ispettori per la sicurezza che hanno avviato un maxi accertamento su ben trenta milioni di auto costruite tra il 2001 e il 2019. L’indagine interessa i veicoli costruiti nel periodo di tempo sopra indicato che montano airbag prodotti da Takata. Si tratta di veicoli prodotti da diverse case automobilistiche.

Incidente auto
Incidente auto

I veicoli sotto indagine

In particolare, specifica Reuters citando il documento governativo prima ancora che l’indagine fosse resa pubblica, gli accertamenti interessano auto prodotte da Honda Motor Co (7267.T), Ford Motor Co (FN), Toyota Motor Corp (7203.T), General Motors Co (GM.N), Nissan Motor (7201.T), Subaru (7270.T), Tesla (TSLA.O), Ferrari NV, Nissan Motor (TAMO.NS), Mazda (7261.T), Daimler AG (DAIGn.DE), BMW (BMWG.DE) Chrysler (ora parte di Stellantis NV (STLA.MI), Porsche Cars (PSHG p.DE), Jaguar Land Rover (di proprietà di Tata Motors (TAMO.NS) e altri.

Takata e i decessi che sarebbero stati causati dallo scoppio accidentale di airbag

L’indagine arriva dopo che la Takata è stata al centro di diversi casi di cronaca. Secondo i dati della Cnn, solo negli USA sono almeno 17 i decessi causati da scoppi di airbag. Scoppi accidentali, per la precisione. Non solo. Takata ha dichiarato bancarotta per un passivo di circa dieci miliardi di dollari. Ciò nonostante resta in prima pagina per vicende di cronaca.

ultimo aggiornamento: 20-09-2021


Superbike, successo di Rinaldi in Gara-2 del GP della Catalogna

Formula 1, orari e info streaming del GP di Russia