Uva, dg Italia: “Non c’è alcun problema ct, la federazione è soddisfatta di Ventura”

L’attuale vice presidente Uefa: “C’è stato un rafforzamento delle Nazionali medio-piccole, ma è un bene per tutti“.

chiudi

Caricamento Player...

Per alcuni, il futuro di Ventura è già lontano dalla Nazionale. Dall’Inghilterra danno addirittura per certo il ritorno di Conte sulla panchina azzurra. Invece, il dg della Federcalcio nonché vice presidente Uefa Michele Uva ha chiarito ai microfoni di Radio24 che Ventura rimarrà dov’è per molto tempo: “Non esiste alcun problema ct, è una cosa che ripeto da vari giorni. Siamo un popolo di commissari tecnicci, ognuno di noi ha le sue convocazioni e i suoi schemi di gioco. La federazione ha intrapreso un percorso di cui è soddisfatta: è normale ci siano cose da migliorare, ma ho già visto un primo risultato nell’approccio. Tutti devono fare un passo in avanti per crescere e uno laterale per aiutare chi gli sta al fianco. Spaccatura tra Ventura e il gruppo azzurro? Mi spiace che all’esterno vi sia questa sensazione, io dall’interno non la vedo e non la percepisco“.

Italia, Uva: “Non penso a un Mondiale senza, ma a un Mondiale con…

Il dg ha quindi spiegato: “C’è bisogno di un cambio generazionale: forse abbiamo avuto otto anni di buco, dovuto non solo al lavoro fatto sulle Nazionali, ma anche alla fine di cicli. I nuovi gruppi dai 23 anni in giù sono ricchi di talento e di esperienza. Io sarei fiducioso per il futuro, bisogna avere pazienza e capire che il cambio generazionale ti fa pagare dazio. I playoff? C’è una crescita dei paesi che erano considerati medio-piccoli: i loro giocatori militano nei campionati più importanti ed è un bene per l’Uefa che ci sia la crescita di piccole federazioni, fa bene allo spettacolo e alla competitività. Si andrà sempre incontro a questo cambiamento, ma io non penso a un Mondiale senza, ma solo a un Mondiale con… Da qui a novembre manca un mese e tutta la Nazione deve essere compatta e unita. Le critiche, se costruttive, vanno bene, ma andare al Mondiale sarebbe un successo di tutti, non di una sola persona“.