Papa Francesco ha diffuso un videomessaggio ai popoli sulla campagna di vaccinazioni contro il Covid-19. Il Pontefice ha effettuato la seconda dose lo scorso febbraio.

CITTA’ DEL VATICANO – Papa Francesco è intervenuto attraverso un videomessaggio per sostenere la campagna sulle vaccinazioni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Vaccinazioni, il videomessaggio

Grazie a Dio e al lavoro di molti oggi abbiamo vaccini per proteggerci dal Covid-19. Questi danno la speranza di porre fine alla pandemia ma solo se sono disponibili per tutti e se collaboriamo gli uni con gli altri. Vaccinarsi, con vaccini autorizzati dalle autorità competenti, è un atto di amore. E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto di amore. Vaccinarci è un modo semplice ma profondo di promuovere il bene comune e di prenderci cura gli uni degli altri, specialmente dei più vulnerabili“. Questo il messaggio del Pontefice.

Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco immunizzato

Risale al 3 febbraio scorso il momento della seconda inoculazione a beneficio del Santo Padre. Dopo tre settimane, come previsto dal protocollo, Bergoglio ha ricevuto la seconda dose del vaccino anti-Covid, ritornando nell’ambulatorio allestito all’Aula Paolo VI per completare il processo di immunizzazione. Insieme al Papa emerito Benedetto XVI.
L’impegno di Francesco a favore delle vaccinazioni va avanti da mesi. Già a fine marzo erano stati messi a disposizione 1.200 vaccini Pzifer-BioNtech a favore dei più poveri. Inoltre, l’Elemosineria aveva reso noto che “per continuare a condividere il miracolo della carità verso i fratelli più vulnerabili, e dare loro la possibilità di accedere a questo diritto“, era possibile effettuare una donazione on-line per un ‘vaccino sospeso’, sul conto della carità del Papa gestito dalla stessa Elemosineria Apostolica.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-08-2021


Coronavirus, in Usa la terza dose del vaccino a tutti dopo 8 mesi

Niente burqa e Università aperte: le regole per le donne in Afghanistan