Vacheron Costantin Harmony cronografo

Il Vacheron Costantin Harmony cronografo grande complicazione ultra-piatto Calibro 3500 fa parte della prestigiosa collezione ideata dalla celebre Maison per festeggiare degnamente i 260 anni di fondazione.

chiudi

Caricamento Player...

Tra i grandi collezionisti di segnatempo la Vacheron Costantin occupa un posto particolare. I suoi mastri orologiai realizzano, con straordinaria abilità, opere di altissima orologeria attingendo a un’arte che affonda le proprie radici nella stessa storia della Maison, fondata nel 1755 dal giovane maestro orologiaio ginevrino Jean-Marc Vacheron, la più antica Manifattura orologiera al mondo, ben 260 anni di attività ininterrotta. Proprio per festeggiare degnamente tale anniversario, a Baselworld sono stati presentati i primi sette modelli della esclusiva collezione Harmony. Proposti in serie limitata, sfoggiano la classica forma coussin e una linea che trae ispirazione da uno dei primi cronografi da polso lanciati dalla Maison nel 1928. Nelle casse, dalle generose dimensioni, sono racchiusi in nuovi calibri che in quattro modelli rilanciano il mito del cronografo monopulsante, una sofisticata complicazione che richiede al maestro orologiaio estrema abilità ed esperienza ed affascina i collezionisti più competenti e raffinati.

La complicazione raggiunge livelli di pura arte nel Vacheron Costantin Harmony cronografo grande complicazione, il più piatto al mondo, con il calibro 3500 a carica automatica (autonomia di 51 ore) di soli 5,20 mm di spessore. Da primato anche lo spessore della cassa a coussin di soli 8,40 mm. Progettare e fare funzionare un sistema tanto complesso in uno spazio così ristretto ha richiesto incredibili prodezze di miniaturizzazione. L’assemblaggio e la regolazione dei 459 componenti, tra cui le molle di appena 3/100 di mm, sono sono stati affidati ai maestri orologiai più esperti della Maison. Il risultato è una costruzione inedita, montata su un cuscinetto a sfera, che lascia libera la vista sul calibro 3500, interamente decorato a mano. Il motivo inedito, chiamato incisione fleurisanne trae ispirazione dagli arabeschi che decorano il coq dell’orologio da tasca firmato Jean-Marc Vacheron nel 1755, il pezzo più prestigioso della collezione storica della Maison.

Il cronografo è dotato della funzione rattrappante che permette di cronometrare eventi che iniziano contemporaneamente ma di diversa durata. Sotto il profilo estetico, si ispira ai cronografi realizzati dalla Maison negli anni Venti, reinterpretandone la forma arrotondata e gli angoli rientranti dei ponti, unicamente realizzabili a mano, i bouchon in oro a forma di goccia intorno alle pietre. La cassa, a carrure quadrata e lunetta circolare, ha un’eleganza e una finezza d’altri tempi. Le funzioni ora, minuti, piccoli secondi a ore 9 e riserva di carica sono visualizzate su un quadrante opalino argenté circondato dalla scala tachimetrica di colore rosso. I numeri arabi dipinti in blu esaltano le lancette azzurrate del cronografo, mentre le raffinate lancette a foglia indicano ore e minuti.

L’assoluta esclusività del segnatempo è sottolineata dalla serie limitata e numerata a soli dieci esemplari.

Clicca sulle foto per ingrandirle