Valentina Pedicini è morta all’età di 42 anni. La regista da mesi combatteva contro un male. Cordoglio sui social.

ROMA – Il mondo del cinema piange Valentina Pedicini, morta all’età di 42 anni. La scomparsa della regista è avvenuta nella notte tra il 19 e il 20 novembre 2020 a Roma. La donna, come riferito da La Repubblica, era malata da tempo e le sue condizioni sono peggiorate negli ultimi giorni.

Una scomparsa accolta con molto dolore dal mondo del cinema. I messaggi di ricordo della regista sui social non sono mancati e i suoi film consentiranno a Valentina di essere ricordata anche dalle future generazioni.

Chi era Valentina Pedicini

Nata il 6 aprile 1978 a Brindisi, Valentina Pedicini si è dedicata sin da giovane al mondo del cinema. Diversi i suoi film e cortometraggi apprezzati in tutta Italia e non solo.

La pellicola Dal Profondo le ha permesso di trionfare al Festival del cinema di Roma. Nella sua carriera è arrivata a Venezia nel 2016 con il film Dove cadono le ombre. L’ultima apparizione in una delle manifestazioni cinematografiche è di febbraio al Festival di Berlino, dove è stata selezionata la sua opera: Faith, Fede. Un riconoscimento molto importante per Valentina che negli ultimi mesi ha combattuto con un male incurabile. Il decesso della regista è avvenuto nella notte tra il 19 e il 20 novembre 2020 a Roma. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo del cinema.

Cinema
Cinema

Valentina Pedicini a ‘La Repubblica’: “La bellezza nel cinema si nasconde nei dettagli”

In occasione del Festival di Berlino, la regista pugliese ha parlato ai microfoni de La Repubblica: “Sono sempre stata convinta che nel cinema, come nella vita, tutta la bellezza e la durezza si nascondano nei dettagli. Il modo di fare, più che le azioni in sé, lo sguardo più che gli occhi, il sospiro tenuto a lungo, più che il pianto ridotto“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cinema cronaca Valentina Pedicini

ultimo aggiornamento: 20-11-2020


Genova, multe a persone in coda alla mensa per i poveri: creano assembramenti

Incidente sul lavoro in Calabria, due operai morti folgorati