VAR, Nicchi bacchetta Montella: “Se la sua squadra girasse…”

Le parole del tecnico rossonero non sono piaciute al presidente dell’Aia: “Montella si adegui, non solo lui ma tutti noi ci giochiamo la carriera”.

chiudi

Caricamento Player...

“Quella di Bonucci è stata un’espulsione televisiva. Mi gioco la carriera, se l’arbitro mi dà il rigore su Bonaventura me la cambia”. A Vincenzo Montella non è piaciuta la direzione di gara del signor Giacomelli, così come la gestione e l’utilizzo del VAR da parte del fischietto triestino. Stamane è arrivata la replica del presidente dell’Associazione Italiana Arbitri, Marcello Nicchi, che ha parlato ai microfoni di Radio Anch’io lo Sport: “Non rispondo a Montella in senso lato – ha dichiarato – dico soltanto che anche lui si dovrà adeguare a questa tecnologia. La carriera non se la gioca solo lui ma tutti. Lui sa come bisogna contenersi, se la sua squadra girasse come si deve non saremmo qui a commentare. Noi siamo contenti”.

Squalifica Bonucci, si attende il verdetto del Giudice Sportivo

Un Nicchi abbastanza duro, dunque, nei confronti di Montella: “Non tutto all’inizio può essere perfetto – ha proseguito il numero uno dell’Aia riferendosi, ovviamente, al VAR – ma nelle percentuali su dieci interventi se ne sbaglia uno.  A detta di tutti funziona e funziona molto bene, è ovvio che bisogna perfezionarla. È una garanzia per tutti ed è uno strumento di giustezza, tutti hanno capito che è utile. L’imprevisto c’è sempre, guardate la Ferrari che a fronte degli investimenti che fa perde un Gp per una candela da 30 euro. La perfezione non esiste, ma ci siamo vicini. Ieri – ha concluso – ho visto anche giocatori che, dopo la risposta del VAR, vanno dagli arbitri e si prendono l’ammonizione, ma cosa ci vanno a fare?”.