Preoccupa la diffusione della variante giapponese del Covid, che secondo i primi dati sarebbe più resistente al vaccino: quali sono i sintomi registrati.

Negli ultimi giorni l’attenzione anche mediatica si sta spostando verso la variante giapponese del Covid che metterebbe addirittura a rischio le prossime Olimpiadi. Al momento non ci sono indicazioni ufficiali che possano lasciar ipotizzare un rinvio o addirittura la cancellazione dei Giochi, ma la situazione epidemiologica è costantemente monitorata.

Eek è più resistente al vaccino?

La variante giapponese del Covid, nota come Eek, preoccupa soprattutto per la sua apparente resistenza al vaccino. Le informazioni a disposizione sono ancora sommarie e si attendono le prime valutazioni complete da parte del mondo scientifico. In base a quanto emerso fino a questo momento sembra che la variante giapponese sia caratterizzata da una resistenza al vaccino.

Laboratorio Coronavirus
Laboratorio Coronavirus

I sintomi della variante giapponese del Covid

La letteratura scientifica sulla variante giapponese del Covid è ancora limitata. La nuova mutazione è ancora in fase di studio e dovremo attendere probabilmente settimane prima di poter avere delle risposte certe.

In base alla informazioni a disposizione, la sintomatologia non è differente da quella tradizionale che abbiamo imparato a conoscere in questo anno di emergenza sanitaria.

Attenzione quindi alla febbre alta, ai problemi respiratori, a sintomi di stanchezza e spossatezza, dolori muscolari, congiuntivite e mal di testa. In pochi casi si registra la perdita del gusto e dell’olfatto, mentre i sintomi gravi sono la difficoltà respiratoria, dolori al petto e problemi nell’uso della parola e nei movimenti. Questi ultimi sono sintomi rarissimi e gravissimi, in presenza dei quali si consiglia di rivolgersi immediatamente alle autorità sanitarie.

Coronavirus
Coronavirus

L’aumento dei contagi in Giappone

Proprio il Giappone nelle ultime settimane sta facendo i conti con un considerevole aumento dei contagi. Resta da capire se l’aumento sia legato alle varianti oppure no. Stando a quanto riferito da Reuters, le varianti che circolano in Giappone sarebbero più contagiose, ma è anche vero che nel Paese la campagna di vaccinazione è ancora ferma al palo, quindi il ciclico aumento dei contagi non sorprende.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 06-04-2021


Covid, la Corea del Nord non parteciperà a Tokyo 2020

Blitz dei Nas, Covid sui mezzi pubblici. Virus su pulsanti, maniglie e poggiatesta