Stop al velo da corsa da parte di Decathlon dopo la polemica in Francia. L’azienda ha deciso di bloccare momentaneamente la vendita.

PARIGI (FRANCIA) – In Francia sarà tolto dal mercato nei negozi Decathlon il cosiddetto ‘velo da corsa’. L’azienda aveva annunciato l’introduzione di questo indumento per le donne musulmane che amano andare a correre ma l’opposizione dei partiti politici ha costretto la società a toglierlo almeno per il momento.

Con totale responsabilità – comunica il responsabile ai microfoni di Rtl prendiamo la decisione di non commercializzare al momento attuale questo prodotto in Francia“. Non è escluso che in futuro si possa cambiare idea ma al momento si è preferito bloccare la vendita anche per non creare ulteriori problemi in un territorio dove la presenza di persone musulmane è sicuramente elevata.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Decathlon
Decathlon (fonte foto https://www.facebook.com/decathlon.italia/)

Decathlon nella bufera per il velo sportivo, indumento ritirato in Francia

L’ingresso nel mercato di questo nuovo velo era previsto per marzo quando nei negozi Decathlon le donne musulmane potevano usufruire di questo indumento per andare a correre. Ma i partiti francesi avevano iniziato la loro protesta sconsigliandone l’uso e soprattutto chiedendo di essere tolto dal mercato. Una richiesta che lo stesso Decathlon ha accettato di fare.

Una polemica che comunque non è destinata a placare visto che sono molte le associazioni che chiedono la possibilità di rimettere in vendita il velo da corsa. Ma da Decathlon almeno per il momento non c’è voglia di creare ulteriori polemiche e per questo si è deciso di togliere dal mercato l’oggetto almeno fino a quando non si hanno pareri politici positivi.

Si tratta di una decisione molto particolare visto che il velo da corsa è stato inserito sul mercato transalpino solamente dopo aver avuto parere positivo in Marocco, dove diverse donne hanno iniziato a farne uso.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/decathlon.italia/

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Antisemitismo in Argentina, aggredito il rabbino capo

Venezuela, Guaidò a Maduro: “Se mi arresti reazione senza precedenti in Patria e dall’Estero”