Allerta a Venezia, dove nella notte sono state innalzate le barriere del Mose. Ieri c’è stata una marea di 138 centimetri che ha sommerso.

VENEZIA – Venezia è ancora sotto pressione a causa del maltempo. Le abbondanti precipitazioni del 7 e dell’8 dicembre hanno fatto finire sott’acqua buona parte della città. Il Mose è stato attivato solo nella notte tra l’8 e il 9 dicembre, quando buona parte della città aveva già dovuto fare i conti con gli allagamenti.

Effettivamente il Mose non era entrato in funzione nelle ore precedenti a causa di previsioni errate. Si prevedeva una marea più bassa di quella che effettivamente sarebbe stata registrata.

Mose Venezia
Mose Venezia

Mose in azione a Venezia

Nella notte tra l’8 e il 9 dicembre, intorno alle tre, sono iniziate le operazioni di innalzamento delle paratoie del Mose, in vista della massima di marea prevista di 125-130 centimetri per la mattina del 9 dicembre.

https://www.youtube.com/watch?v=NxImOMf_MAc&ab_channel=antennatre

Alta marea, città in parte allagata

Nella giornata di martedì, Venezia è finita appunto sott’acqua. A causa di un rapido peggioramento delle condizioni meteorologiche, segnato da forti venti di scirocco e il mare non in grado di ricevere la spinta della laguna per lo scarico a valle dei fiumi ingrossati dalla pioggia, la città lagunare è finita sotto di 138 centimetri. Da una previsione di 125 centimetri si è arrivati nel pomeriggio a un livello eccezionale superiore di 13 centimetri ai calcoli dei tecnici. E così il Mose non è stato attivato in tempo, mettendo sotto scacco buona parte dei quartieri veneziani.

Ovviamente sotto accusa ci è finita la catena di comando e di controllo, che dovrà rendere conto dell’errore di valutazione.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
alta marea venezia maltempo mose venezia

ultimo aggiornamento: 09-12-2020


Misterioso virus in India, si teme una nuova emergenza

Coronavirus, tasso di positività sotto il 10 per cento. Rezza: “Incidenza ancora alta”