Omessi versamenti IVA cosa fare e come comportarsi

Omessi versamenti Iva, cosa fare quando ci si dimentica una rata o non si è potuta pagare per tempo? Cosa dice la legge vigente.

chiudi

Caricamento Player...

Omessi versamenti IVA periodici

Sia che si tratti di versamenti mensili, sia che questi debbano avvenire successivamente ad una dichiarazione annuale, il soggetto debitore può sempre ridurre le sanzioni che scattano e che possono essere pagate assieme alla rata o alle rate dimenticate ad esempio, attraverso il ravvedimento operoso, prima che l’Agenzia delle Entrate proceda all’invio della comunicazione di irregolarità.
Va ricordato che se si omette il pagamento di quote annuali che vanno oltre la cifra dei 250.000€ l’omesso versamento dell’IVA subisce una sanzione di tipo penale.

I versamenti possono essere mensili o trimestrali e le persone che devono effettuarli sono tenute ad effettuare i versamenti dell’imposta che deriva dalle liquidazioni Iva trimestrali o mensili, e quelli che sono derivanti dalla dichiarazione dell’Iva annuale. Comunque e in ogni caso l’Agenzia delle Entrate per un mancato adempimento al di là della cifra relativa all’Iva può sanzionare chi manca di effettuare questo pagamento.
La sanzione varia nel suo importo sulla base dell’entità versamento omesso. Tramite ravvedimento operoso diminuisce tale cifra.

Il Ravvedimento Operoso, ovvero come pagare diminuendo la quota sanzione

Questo è il modo migliore per far fronte ad un mancato pagamento Iva. Il ravvedimento operoso è uno strumento che il contribuente ha a disposizione per rimediare in maniera autonoma agli omessi versamenti dei tributi, prima che intervenga l’ente deputato attraverso la notifica di una comunicazione di irregolarità. Il vantaggio di questo strumento è quello di avere le sanzioni ridotte. Occorre comunque effettuare bene il calcolo delle sanzioni che si debbono sulla base delle rate o della rata omessa, e facendo riferimento agli articoli 13 del D.Lgs. n. 471/97 e del D.Lgs. n. 472/97. Queste sono le norme che attengono proprio al tema del ravvedimento operoso volontario.
Il contribuente verserà così:

  • La quota mancata
  • Gli interessi di mora ridotti

certificato_unicasim