Ivan Juric, alla vigilia del match contro il Milan, fa il punto della situazione, non sbottonandosi sulla formazione di domani ma ostentando fiducia

Il presidente Preziosi, dopo l’esonero a sorpresa del tecnico Davide Ballardini, ha deciso di affidare le chiavi della squadra al croato Ivan Juric, giunto così alla sua seconda esperienza sulla panchina del Grifone. Il suo esordio è stato più che positivo, dato che i rossoblu sono riusciti a strappare alla Juve il primo pareggio stagionale, dopo 8 vittorie consecutive. Di sicuro più deludente il 2-2 con l’Udinese sello scorso fine settimana: a un giorno da Milan-Genoa, ecco le sue parole in conferenza stampa.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Juric: “Non dobbiamo guardare la classifica”

La filosofia dell’allenatore croato è chiara. Ragionare passo per passo, senza lasciarsi influenzare da una classifica che vede il Genoa a un solo punto dal Milan, a quota 14. “Non dobbiamo guardare molto la classifica, ma solo cercare di far bene in ogni partita. Contro l’Udinese abbiamo avuto solamente dieci minuti di calo fisico: può starci. Sono comunque contento di come abbiamo tenuto il campo, nonostante l’inferiorità numerica”.

Juric ostenta quindi fiducia: “Stiamo facendo dei passi avanti importanti, anche se ci sono ancora ampi margini di miglioramento. Il nostro calendario adesso sarà difficile, ma abbiamo delle qualità significative: possiamo far male anche alle grandi squadre“.

Juventus-Genoa
fonte foto https://twitter.com/juventusfc

Verso Milan-Genoa, Juric: “Formazione? Ci sono tante partite”

L’ex tecnico del Crotone rimane molto abbottonato su chi scenderà in campo. “Devo tenere conto delle partite ravvicinate. Piatek fa delle grandissime prestazioni: non può segnare in tutti gli incontri, ma tornerà a farlo, mi piace molto come giocatore. Anche Pereira e Lazovic mi hanno soddisfatto in entrambe le fasi, perché hanno consentito anche a Criscito e Biraschi di giocare bene e in tranquillità. Per sostituire Romero impiegherò uno tra Gunther e Lisandro Lopez“.

Qualche battuta anche sul Milan: “Sono una grande squadra e, specialmente a San Siro, riescono a fare bene. Gattuso sta facendo molto bene, nel suo gioco c’è sia qualità che quantità. Lo ha dimostrato anche contro la Samp: Cutrone e Higuain, poi, sono una grande coppia d’attacco“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 30-10-2018


Dramma in Brasile, calciatore torturato, evirato e ucciso

Milan, tegola Caldara: i rossoneri pensano a Savic