Sebastian Vettel sul record di Hamilton: “Complimenti, ma Schumi resta il mio eroe”.

NURBURGRING (GERMANIA) – Sebastian Vettel al termine della gara del Nurburgring ha commentato il nuovo record di Lewis Hamilton. “Ho molto rispetto per il traguardo raggiunto dal britannico, è un numero che nella mia testa pensavo non potesse mai essere eguagliato. E adesso con la stessa certezza posso pensare che Lewis batterà questo primato“, la parole del pilota Ferrari riportate da La Gazzetta dello Sport.

Vettel: “Schumi resta il mio eroe”

Un record che non fa cambiare idea Seb: “Devo dire che Michael sarà sempre il mio eroe. Penso che lui avesse qualcosa che finora non ho visto in nessun pilota“.

Un rapporto di stima reciproco tra i due: “Penso che Michael avesse un talento naturale difficile da spiegare. Puoi capirlo solo se lo hai visto andare nei kart. Naturalmente io l’ho potuto ammirare solo più avanti e non da giovane. Sono stato felice di essere in squadra con lui alla Race of Champions un paio di volte. In questa manifestazione ha dimostrato tutte le sue capacità. Una capacità che, come ho detto, non ho visto in nessun altro finora. Nessuno lo ha eguagliato“.

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel

Vettel cresciuto nel mito Schumi

Vettel e Schumi: un rapporto di stima reciproco. Il tedesco della Ferrari è cresciuto nel mito di Michael, con il sogno di poter vincere il titolo con la Rossa. Momenti di storia diversi non hanno permesso a Seb di seguire le orme del Kaiser nella scuderia di Maranello.

Il record di Hamilton ha sicuramente sorpreso (in positivo) Vettel, che ha sempre sperato di essere lui quello ad eguagliare Schumacher. La storia degli ultimi anni, però, ha parlato di un dominio Mercedes (come negli anni di Michael era Ferrari n.d.r.), con tutti i record destinati ad essere battuti dal britannico.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Lewis Hamilton Michael Schumacher motori Sebastian Vettel

ultimo aggiornamento: 14-10-2020


Coronavirus, resta il problema dei mezzi pubblici affollati

Iannone: “Voglio tornare più forte di prima”