Google è pronto a rivoluzionare il mondo delle auto. Waymo al lavoro per trasformare le auto ‘normali’ a guida autonoma.

ROMA – La strategia di Google e della Waymo cambia in corso d’opera. Nonostante le varie prove effettuare, il colosso americano non metterà sul mercato auto nuove. La decisione è stata presa nelle ultime settimane con l’azienda automobilistica che fa capo alla società statunitense si prepara a rivoluzionare il mercato.

Come annunciato nei mesi scorsi la Waymo si prepara a mettere sul mercato nei prossimi anni circa 20 mila auto a guida autonoma. Ma queste non saranno nuove. Infatti la nuova strategia di Google prevede di trasformare veicolo normali in quella senza il bisogno obbligatorio del conducente. Una scelta pronta a trasformare il mercato delle quattro ruote con Google pronto a dimostrare come il software conti di più delle automobili.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Waymo
fonte foto https://waymo.com/press/

La rivoluzione di Google e di Waymo: ecco tutti i dettagli

Si tratta di una rivoluzione vera e propria con Waymo che è al lavoro al momento sui veicolo euro 4 di Chrysler e Jaguar. E proprio i modelli Van e crossover di queste due case automobilistiche sembrano essere i primi a subire le modifiche. I piani e i tempi di entrata nel mercato sono stati stabiliti anche se ancora c’è qualche problema legale da risolvere sia in America che in Europa.

Da parte sua la Waymo è pronta a dimostrare come i costi previsti per questa produzione sono molto inferiori a quanto le case automobilistiche spendono per dare vita ad un nuovo veicolo. Davanti a noi abbiamo una rivoluzione chiamata Google: modificare le altre auto ma inserire il proprio brand. Il mercato delle quattro ruote si prepara ad avere novità pronte a cambiare completamente la strada e non solo. Il binomio Google-Waymo al lavoro per dare vita alle prime vetture autonome.

fonte foto copertina https://waymo.com/press/


Dakar, Cristina Gutiérrez sempre più nella storia al volante della Mitsubishi Eclipse

Ecotassa sulle auto, ecco come evitarla