Preoccupazione nelle scuole, aumentano i reati mossi dall’odio. La preoccupazione delle minoranze per l’effetto Trump

Non accenna a placarsi in America la preoccupazione per gli effetti dell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca. Dal muro di separazione con il Messico alla lotta strenua (forse esagitata spesso) al terrorismo, i disegni politici del numero uno statunitense hanno scatenato nel Paese un’ondata di odio. A regalare al mondo una finestra sul cortile è stata Meryl Streep ai Golden Globes: “Tutti noi in questa stanza apparteniamo a uno dei segmenti più vilipesi della società in questo momento: Hollywood, stranieri e stampa“.

Alcune donne sono state aggredite a causa del loro hijab, hanno tentato di strapparglielo, sono state minacciate“, ha  rincarato la dose Kassem Allie, amministratore del Centro islamico americano, ma a preoccupare è soprattutto la diffusa violenza che sta prendendo piede nelle scuole americane.


Trump: “Russia? Pronto a eliminare le sanzioni se Mosca collabora…”

Coppa d’Africa al via, ecco lo spettacolo unico di musiche e colori