Vigilessa uccisa, spuntano nuovi dettagli: "Foto e rilievi importanti"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Vigilessa uccisa, spuntano nuovi dettagli: “Foto e rilievi importanti”

Polizia

Continuano le indagini sul caso della vigilessa uccisa, Sofia Stefani. A parlare è l’avvocato dell’ex comandante accusato di omicidio.

Stanno proseguendo le indagini sull’uccisione della vigilessa, Sofia Stefani, andata in scena nell’ufficio del comando della polizia locale di Anzola Emilia lo scorso 16 maggio avvenuta a seguito di un colpo di pistola. Per l’omicidio della donna è stato arrestato l’ex comandante Giampiero Gualandi, attualmente in carcere con l’accusa di omicidio volontario aggravato. In queste ore, l’avvocato dell’uomo avrebbe svelato nuovi dettagli relativi ad un sopralluogo avvenuto proprio dove la 33enne ha perso la vita.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

volante della polizia

Vigilessa uccisa: il sopralluogo

Secondo quanto si apprende da Fanpage, in queste ore, è andato in scena il sopralluogo, disposto dalla Procura di Bologna, nell’ufficio in cui la 33enne è stata uccisa. Dalle informazioni raccolte, i controlli sarebbero durati oltre tre ore e sarebbero avvenuti alla presenza dei consulenti balistici nominati dalle parti, del medico legale incaricato dalla Procura di eseguire l’autopsia e dei carabinieri, sia quelli del Ris di Parma che si occupano delle analisi scientifiche, sia quelli di Anzola che si stanno occupando delle indagini.

Nuovi dettagli emersi

Gli accertamenti avvenuti avrebbero messo in evidenza alcuni nuovi dettagli. Ad affermarlo è stato l’avvocato difensore dell’ex comandante accusato di omicidio, il dottor Claudio Benenati. “Sono state fatte foto ed eseguiti alcuni rilievi. Posso dire che sono emersi alcuni elementi nuovi e importanti“, le parole riprese da Fanpage. “Ora aspettiamo gli esiti finali dell’autopsia e della perizia balistica”, ha concluso facendo riferimento alla perizia balistica che servirà a ricostruire la dinamica dello sparo e confermare o smentire la tesi dell’indagato. Il comandante, infatti, ha sempre sostenuto che il colpo di pistola sia partito in modo accidentale da parte della sua arma di ordinanza. La speranza è che la morte della vigilessa possa trovare una spiegazione.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2024 12:19

Tragedia del Natisone, giallo sui soccorsi: “Prima chiamata mezz’ora prima”

nl pixel