Vincenzo Montella, Milan al bivio: la sfida con l’Inter non sarà decisiva a meno che…

Derby importante ma non decisivo per Vincenzo Montella, a meno che la squadra non venga surclassata dall’Inter.

chiudi

Caricamento Player...

Criticato da gran parte della tifoseria e dall’ex presidente Silvio Berlusconi, per Vincenzo Montella e il Milan la prossima sfida di campionato contro l’Inter assumerà un valore decisamente particolare. Se il derby è la partita più importante della stagione per antonomasia, per il tecnico rossonero in palio c’è qualcosa di più in ballo rispetto all’onore.

Montella, il Milan ha bisogno di una scossa

Fino a questo momento il Milan non ha rispettato le speranze e le aspettative di inizio stagione. L’entusiasmo estivo ha lasciato il posto alla disillusione e all’amarezza e in molti sperano che la società possa prendere provvedimenti a breve. Nonostante la differenza di vedute, Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli si sono schierati a difesa di Montella e non prevedono ribaltoni a stagione in corso. O meglio, si augurano di non dover ricorrere a tanto ma qualche sondaggio in giro sembra lo abbiano già fatto.

Marco Fassone Niang Torino Milan
Marco Fassone

Inter-Milan non sarà decisiva per Montella a meno che…

Inter-Milan non dovrebbe essere una partita decisiva per il futuro di Vincenzo Montella. La dirigenza vuole concedere tempo al suo allenatore – certo senza esagerare – e si accontenta nell’immediato della crescita tattica della squadra. Superato lo scoglio derby dovranno arrivare anche i risultati. Non sono previsti colpi di scena dunque, a meno che il Milan non si renda protagonista di una prestazione come quella offerta contro la Sampdoria, ossia gravemente insufficiente.

Milan, Montella fino a giugno, poi sarà Antonio Conte

Come suggerito anche da Luciano Moggi, il Milan vuole andare avanti con Montella fino al termine della stagione in corso, quando poi proverà a portare a casa Antonio Conte, indipendentemente dai risultati ottenuti dall’Aeroplanino.

Antonio Conte e Arsene Wenger
Antonio Conte e Arsene Wenger