La Torteria di Chivasso sequestrata per violazione delle norme anti Covid. Il locale ha ospitato aperitivi clandestini.

La Torteria di via Orti di Chivasso è stata sequestrata per violazione delle norme anti Covid. Carabinieri, Polizia e Vigili Urbani hanno messo i sigilli al locale su richiesta della Procura di Ivrea. Il locale era venuto alla ribalta nelle ultime settimane per aver ospitato apertivi clandestini, violando le restrizioni in vigore contro la diffusione del virus. Stando a quanto riferito dalla stampa locale, era considerato come una sorta di luogo di ritrovo per negazionisti. A seguito delle reiterate violazioni delle norme, le autorità hanno disposto il sequestro del locale.

Violazione delle norme anti Covid, sequestrata la Torteria di Chivasso

Nella mattinata del 6 maggio gli uomini delle forze dell’ordine hanno messo i sigilli alla Torteria di via Orti, a Chivasso, sequestrata per violazione delle norme anti Covid. Il locale era noto alle autorità in quanto negli ultimi giorni era diventato il luogo di ritrovo per negazionisti, che hanno consumato aperitivi fuori legge in base alla normativa vigente. La Torteria è stata sequestrata su richiesta della Procura di Ivrea.

Polizia
Polizia

Tensione all’arrivo degli uomini delle forze dell’ordine

La titolare del locale è parsa visibilmente agitata, ha urlato contro i presenti e ha insultato gli uomini delle forze dell’ordine. Stando a quanto riferito dalla stampa locale, di fronte al divieto di entrare nel locale, la titolare avrebbe urinato in strada. Inoltre sarebbe salita sul carro attrezzi nel tentativo di bloccare il sequestro della sua auto. La strada è stata interdetta alla circolazione durante l’operazione.


Vaccini Covid, Biden sostiene la revoca dei brevetti. Oms, “Momento monumentale”

L’Ue ha approvato un insetto come alimento: è il Tenebrione mugnaio