Violenza di gruppo nel Mantovano. Cinque ragazzi sono indagati per aver abusato di una minorenne. Indagini in corso.

MANTOVA – Violenza di gruppo nel Mantovano lo scorso 18 maggio. Cinque ragazzi sono stati iscritti sul registro degli indagati per presunti abusi nei confronti di una ragazza durante una festa a Suzzara. Come riportato dal Corriere della Sera, la Procura ha emesso per due di loro il mandato di custodia cautelare in carcere, mentre per gli altri c’è solamente l’obbligo di dimora.

L’indagine è partita lo scorso 2 giugno quando in ospedale si è presentata la vittima per forti dolori. Esami che hanno confermato la violenza sessuale e sono in corso tutti gli approfondimenti del caso.

La ricostruzione

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, la giovane sarebbe stata violentata durante una festa in una delle abitazioni dei giovani. Non è ancora chiaro se la giovane abbia assunto alcolici o altre sostante o sia stata spinto a farlo, ma il suo racconto è stato molto preciso su quanto successo in questo appartamento.

Alla serata, almeno secondo le ricostruzioni, erano presenti anche altri due ragazzi. Questi ultimi, però, non avrebbero preso parte alla violenza e per questo motivo non sono stati iscritti sul registro degli indagati.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Auto polizia
Auto polizia

Le indagini

Le indagini, come detto, sono iniziate subito l’arrivo della 16enne in ospedale per forti dolori. In un primo momento si pensava ad uno stato di gravidanza, ma gli accertamenti hanno rivelato l’abuso. Da qui la segnalazione agli inquirenti.

Gli approfondimenti hanno confermato tutta la vicenda e la Procura ha emesso un mandato di custodia cautelare per due dei cinque ragazzi, mentre per gli altri tre c’è l’obbligo di dimora. Per tutti l’accusa è di violenza sessuale di gruppo aggravata. Un incubo che per la giovane non sarà per nulla semplice mettere alle spalle.


Nuova ondata di caldo, 6 città con bollino rosso

Consigliere eletto con la Lega spara al socio in affari: arrestato