Altra violenza nel paese di Giulia Cecchettin: pugni e calci ad una donna
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Altra violenza nel paese di Giulia Cecchettin: pugni e calci ad una donna

violenza domestica, aggressione

Un coraggioso atto di solidarietà mette fine a un episodio di violenza domestica e risveglia la memoria di Giulia Cecchettin.

Nel tranquillo comune di Vigonovo, noto recentemente per essere stato il luogo di residenza della sfortunata Giulia Cecchettin, si è verificato un drammatico episodio di violenza domestica. Un uomo di 71 anni è stato arrestato per aver picchiato la moglie in strada, e il merito di questa cattura è da attribuire a quattro coraggiosi adolescenti di 16 anni. I quali hanno prontamente allertato le forze dell’ordine.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

botte pugno sporco sangue

L’eroe non ha età: il coraggio dei quattro adolescenti

Questi giovani eroi erano seduti ai tavolini del patronato quando hanno assistito alla scena agghiacciante: un uomo in preda alla furia che colpiva a calci e pugni una donna anziana. Proprio davanti alla chiesa parrocchiale della Beata Vergine del Perpetuo Soccorso. Senza esitare, sono intervenuti fermamente, bloccando l’aggressione e cercando di proteggere la vittima.

Nonostante la donna avesse cercato di minimizzare l’accaduto, salendo in macchina con il marito, i ragazzi hanno agito con intelligenza e determinazione. Hanno scattato una foto all’auto dell’uomo e inviato il numero di targa alle autorità, un gesto decisivo che ha permesso di tracciare e arrestare l’aggressore.

Il ricordo di Giulia Cecchettin accende la solidarietà

Abbiamo pensato subito a Giulia Cecchettin“, hanno dichiarato i ragazzi, riferendosi alla tragica scomparsa della giovane donna avvenuta una settimana prima nello stesso comune. Vittima anch’essa di violenza. Questo ricordo ha sicuramente influenzato il loro pronto intervento, dimostrando una maturità e una consapevolezza sociale notevoli per la loro età.

Dopo la segnalazione dei ragazzi, i carabinieri hanno avviato una rapida ricerca che si è conclusa con il rintracciamento dell’auto dell’uomo a Legnaro, a pochi chilometri dal luogo dell’aggressione. Nonostante iniziali resistenze, l’arresto è stato eseguito con successo, e l’uomo è ora in carcere a Padova, in attesa di giudizio.

Questo episodio non solo mette in luce la gravità della violenza domestica, ma dimostra anche come il coraggio e la solidarietà possano effettivamente salvare delle vite. L’intervento di questi quattro adolescenti è un esempio ispiratore, che ricorda a tutti l’importanza dell’azione civica e della responsabilità comunitaria nel contrasto alla violenza domestica.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2023 10:55

Filippo Turetta: dopo la visita dei genitori, arrivano altre due richieste

nl pixel