Virginia Raggi, inizio processo fissato al 21 giugno: accolta la richiesta di giudizio immediato

È stata accolta la richiesta di Virginia Raggi di giudizio immediato. Il suo processo inizierà il prossimo 21 giugno.

ROMA – Accolta la richiesta di giudizio immediato fatta da Virginia Raggi. Il processo per le accuse di falso in relazione alla nomina di Renato Marra, inizierà il prossimo 21 giugno. Lo ha disposto il Tribuna di Roma. Intanto il prossimo 9 giugno il GIP dovrà decidere se mandare a processo proprio il fratello dell’ex braccio destro della sindaca di Roma, accusato di abuso d’ufficio nell’ambito dello stesso procedimento.

La sindaca Virginia Raggi apparirà davanti al giudice monocratico. Il primo passo verso la risoluzione del caso ci sarà il 21 giugno.

La sindaca Virignia Raggi apparirà davanti al giudice monocratico per difendersi dalla accusa della Procura, secondo cui mentì all’ufficio Anticorruzione del Comune in relazione alla nomina di Marra senior che da vigile urbano fu promosso a capo del dipartimento del turismo con un incremento di stipendio pari a 20 mila euro.

La tempesta giudiziaria così il posto a Raffaele Marra, coinvolto anche in un processo per corruzione in concorso con il costruttore Sergio Scarpellino per la compravendita di un appartamento, e a Salvatore Romeo. Quest’ultimo però ora è nuovamente ritornato a ricoprire il ruolo di funzionario al comune.

ultimo aggiornamento: 05-01-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X