Mafia a Viterbo, arrestate tredici persone con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. Le indagini condotte dalla Dda di Roma.

Maxi operazione dei Carabinieri di Viterbo che hanno eseguito un mandato di arresto nei confronti di tredici persone che risultano indagate a vario titolo per reati legati all’associazione a delinquere di stampo mafioso.

Viterbo, tredici persone indagate per associazione a delinquere di stampo mafioso. Controllavano diverse attività commerciali della zona

Gli investigatori hanno portato alla luce una vera e propria organizzazione mafiosa che aveva il controllo di locali notturni, compro oro ma anche ditte di trasloco e altre attività commerciali nel Viterbese.

Dalle indagini emerge inoltre un’attività illegale di recupero crediti, svolta anche con atti intimidatori nei confronti di commercianti e debitori.

Nel corso delle operazioni i Carabinieri hanno eseguito le misure di custodia cautelare e hanno eseguito numerose perquisizioni.

Alle ore 11 si terrà una conferenza stampa per fare il punto sull’operazione condotta dai Carabinieri. Parteciperanno all’incontro con la stampa ilProcuratore aggiunto della Dda Roma e il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Viterbo, che hanno eseguito le misure di custodia cautelare.

Carabinieri NAS
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

I soldi a disposizione del sodalizio criminale sarebbero riconducibili al mondo della ‘ndrangheta

Stando alle ipotesi degli inquirenti, i soldi a disposizione del sodalizio malavitoso sarebbero riconducibili al mondo della ‘ndrangheta.

Ulteriori informazioni emergeranno dagli interrogatori ai tredici indagati, che dovranno fare luce sul proprio coinvolgimento nella vicenda e dovranno delineare i contorni di un’associazione organizzata e ben radicata sul territorio.

Le indagini sono state condotte dalla Dda di Roma e le misure cautelari sono state disposte dal Gip di Roma.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca mafia roma scelte della redazione Viterbo

ultimo aggiornamento: 25-01-2019


Roma, chiuso il cinema Barberini: nella struttura trovati topi morti

Tre anni dalla morte di Giulio Regeni. E la verità è ancora lontana