La vittoria di Facebook in Tribunale negli Usa. Sono state respinte due azioni antitrust nei confronti della multinazionale.

ROMA – Una vittoria di Facebook in Tribunale negli Usa potrebbe essere un precedente fondamentale per il futuro. Come riferito da RaiNews, una Corte Federale americana ha respinto due azioni antitrust aperte nei confronti della multinazionale di Mark Zuckerberg.

Il social era accusato di soffocare i concorrenti lasciando poche opzioni agli utenti. Una vicenda che è finita in Tribunale nei mesi scorsi e che si è chiusa con l’assoluzione da parte di Facebook. Si tratta sicuramente di una buona notizia soprattutto per Facebook. Ma attenzione al futuro: questa sentenza potrebbe essere un precedente importante anche in altre vicende simili.

Il ricorso contro Facebook

Il ricorso alla Corte Federale era stato presentato da alcuni procuratori contro i termini di acquisizione di WhatsApp e Instagram completate nel 2014 e nel 2012. I giudici, però, hanno deciso di respingere la richiesta perché arrivata troppo tardi.

Nelle prossime settimane potrebbero essere modificati i termini e per questo la vicenda non è ancora finita qui. Intanto la notizia ha consentito a Facebook di volare in Borsa e aumentare i propri introiti. Un cambio di passo dopo un periodo difficile anche per la pandemia.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Facebook al lavoro per nuove novità

Una sentenza che, come detto, potrebbe essere un precedente importante anche in futuro. Archiviata la questione, Facebook continua il proprio lavoro per introdurre novità sia sul social che su tutte le altre applicazioni gestite da Mark Zuckerberg.

La pandemia ha sicuramente rallentato un po’ la crescita dei social anche per questioni economiche. Il cambio di passo sembra essere ormai vicino e Zuckerberg starebbe valutando la possibilità di introdurre lo smart working fisso per i dipendenti. Una misura che potrebbe aumentare il rendimento dei lavoratori e di conseguenza i guadagni.


M5s contro lo stop al cashback. Patuanelli: “Si torni indietro”

Licenziamenti, accordo tra Governo e parti sociali