Ue, Ursula von der Leyen: “Mario Draghi ha fatto un lavoro straordinario alla Banca Central Europea”.

L’Unione europea guarda con favore all’Italia e conferma la stima in Mario Draghi pur non commentando le questioni interne legate alla politica. La conferma arriva direttamente dalla Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che, parlando ai microfoni de La Stampa, ha voluto ricordare quanto fatto proprio da Mario Draghi alla guida della Banca Centrale Europea.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Mario Draghi
Mario Draghi

Von der Leyen, “Draghi alla Bce ha svolto un lavoro straordinario”

Posso solo dire che Draghi alla Bce ha svolto un ruolo straordinario e di questo ne sono tutti consapevoli. Non solo in Italia“, ha dichiarato Ursula von der Leyen in un’intervista a la Stampa. La Presidente della Commissione europea, mantenendo la sua neutralità, non ha voluto commentare l’incarico affidato all’ex Presidente della Bce. La von der Leyen anzi ha voluto ribadire come la nomina di Draghi sia un “affare italiano” e la regola inviolabile a Bruxelles prevede di non commentare le questioni interne almeno per quanto riguarda la politica.

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

Il recovery plan italiano

La Presidente della Commissione europea però non dimentica le scadenze incombenti e sottolinea come, conclusa la crisi di governo, l’Italia debba lavorare “senza sosta” al Recovery plan italiano.

Da settimane, per non dire mesi, lavoriamo con le autorità italiane e con le parti interessate per sviluppare i dettagli della bozza. E il lavoro è ancora in corso“, ha proseguito la von der Leyen. “Lo dico per sottolineare quanto dettagliato sia questo lavoro, visto che si tratta di un ammontare enorme di fondi da spendere in un periodo di tempo relativamente limitato, in pochi anni Dobbiamo andare in profondità nei dettagli, definendo obiettivi e tabella di marcia. Per questo siamo pronti e impegnati con l’amministrazione italiana per lavorare senza sosta e andare avanti perché il tempo è prezioso e non vediamo l’ora di vedere come sarà formato il nuovo governo“.


Sindaco di Roma, ministro o garante, cosa farà Giuseppe Conte dopo la crisi di governo

Nel 2019 è diminuito il numero di persone a rischio povertà. Poi è arrivato il Covid…