Primo successo in carriera alla Vuelta a España 2017 per il kazako dell’Astana Alexey Lutsenko. Froome consolida la maglia rossa.

ALCOSSEBRE – Arriva il primo successo in carriera alla Vuelta a España per Alexey Lutsenko. Il kazako dell’Astana ha staccato l’ultimo compagno di fuga rimasto con lui, Marco Haller, ed ha concluso la quinta tappa della corsa spagnola in solitaria. Alle sue spalle si piazza la sorpresa eritrea Merhawi Kudus (+42″) mentre al terzo posto chiude lo spagnolo Marc Gimenez Soler staccato di 56 secondi. Il primo degli italiani è Davide Villella (+4’00”).

Battaglia tra i big: Froome, Contador e Chaves guadagnano

Nuova battaglia tra i big sull’ultima salita con Chris Froome che grazie allo splendido lavoro del suo compagno di squadra Gianni Moscon riesce a sgretolare il gruppo. La ruota della maglia rossa viene tenuta solamente da Alberto Contador, Esteban Chaves e la sorpresa Michael Woods.

Chris Froome
Chris Froome

Fabio Aru, Ilnur Zakarin, David De La Cruz e Adam Yates perdono 11 secondi. Più indietro Simon Yates e Warren Barguil (+21″) mentre sono 26 quelli persi da Vincenzo Nibali.

In classifica generale Chris Froome consolida la maglia rossa

La tappa odierna delinea maggiormente la classifica generale: Chris Froome (18h07’10”) ora ha 10 secondi di vantaggio sull’americano Tejay Van Garderen e 11 su Esteban Chaves. Sesto Vincenso Nibali (+36″) davanti a Fabio Aru (+49″).

Domani tappa mossa. Possibilità per la fuga

Nuova possibilità per la fuga domani con una tappa molto mossa da Vila-Real e Sangut. 204 chilometri di sali e scendi con cinque ascesa da superare (quattro di terza categoria e una di seconda). Gli ultimi 28 km sono in discesa e pianeggianti. Molte le possibilità della fuga visto il percorso mosso ma attenzione ad Alberto Contador che potrebbe inventare qualcosa per ritornare in gioco in classifica.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Vuelta a España 2017, ancora Italia nella quarta tappa: Matteo Trentin vince a Tarragona

Vuelta a España 2017, a Sagunt spunta Marczynsky. Contador ci prova ma i big rispondono presente